Ordini degli Infermieri siciliani chiedono alla regione nuove assunzioni e non solo proclami.

Ordini degli Infermieri siciliani chiedono nuove assunzioni e non solo proclami.
Ordini degli Infermieri siciliani chiedono nuove assunzioni e non solo proclami.

Basta con gli annunci, servono reali incrementi delle piante organiche. Gli Infermieri sono allo stremo!

Il Coordinamento degli Ordini delle Professioni infermieristiche della Sicilia incontra i funzionari dell’assessorato della Salute. Gli infermieri dichiarano: “non bastano le stabilizzazioni e i concorsi annunciati per garantire la sicurezza delle cure” ma necessita incrementare le dotazioni organiche.

Ieri presso la sede dell’Assessorato della Salute, i rappresentanti della professione infermieristica hanno incontrato e dibattuto con i funzionari dello stesso organo, purtroppo assente l’assessore Ruggero Razza, al fine di definire le istanze da tempo perorate dagli infermieri per garantire qualità e sicurezza delle cure.

La priorità assoluta riguarda l’adeguamento delle dotazioni organiche al reale bisogno assistenziale che scaturisce dal mutato contesto epidemiologico e dall’accresciuta complessità dell’assistenza stessa.

E’ indispensabile che i vertici istituzionali emanino le nuove line guida e i relativi coefficienti per l’attribuzione delle dotazioni organiche tenendo conto delle criticità rappresentate dal coordinamento a tutela della salute dei cittadini. La nostra mission istituzionale, di ente sussidiario dello stato, ci impone di vigilare affinché gli atti aziendali e le nuove dotazioni organiche delle Aziende Sanitarie siciliane garantiscano i LEA attribuendo un rapporto adeguato infermiere paziente in tutte le Unità Operative. Si ritiene fondamentale abolire l’obsoleta definizione di bassa intensità assistenziale in quanto il personale infermieristico delle degenze così definite sopporta un immane carico di lavoro che impone, loro malgrado, di fare delle scelte di priorità assistenziale incrementando le cure mancate e favorendo l’escalation del rischio clinico.

In merito agli organici delle strutture private accreditate, addirittura, numericamente inferiori a quelli del pubblico, è stato chiesto di abrogare la legge 39/88 in quanto obsoleta nella forma e nella sostanza.

L’incontro è stato propizio per presentare alcuni progetti che vedono protagonista l’infermiere nell’affrontare la problematica dell’assistenza nella cronicità.

All’uopo è stata richiesta la realizzazione delle Unità Operative a gestione infermieristica, questo faciliterebbe l’assistenza sanitaria tra la fase di dimissione protetta, dopo il superamento delle cure ospedaliere, e le cure domiciliari a garanzia della continuità assistenziale.

Lo stesso dicasi per il contributo che darebbe l’infermiere di famiglia nella presa in carico dei pazienti con pluripatologie in collaborazione con il MMG. 

Auspichiamo a breve l’implementazione di entrambi i progetti.

E’ stata riproposta la necessità di favorire e regolamentare l’accreditamento degli ambulatori Infermieristici di iniziativa privata.

In conclusione, riteniamo inammissibile non investire sul bene salute dei cittadini e la situazione contingente dell’innalzamento del tetto di spesa deve orientare verso la valorizzazione dell’infermiere cuore del cambiamento del sistema sanitario siciliano a sostegno della qualità e della sicurezza delle cure.

OPI AGRIGENTO Presidente Dott. SALVATORE OCCHIPINTI

OPI CALTANISSETTA Presidente Dott. IVANO FERRARA

OPI CATANIA Presidente Dott. CARMELO SPICA

OPI ENNA Presidente Dott. GIOVANNI DI VENTI

OPI MESSINA Presidente Dott. ANTONINO TRINO

OPI PALERMO Presidente Dott. FRANCO GARGANO

OPI RAGUSA Presidente Dott. GAETANO MONSU’

OPI SIRACUSA Presidente Dott. SEBASTIANO ZAPPULLA

OPI TRAPANI Presidente Dott. FILIPPO IMPELLIZZERI

Potrebbe interessarti...