Ordine Infermieri Parma: tre liste in campo per la conquista dell’OPI.

In vista delle imminenti elezioni per il rinnovo delle cariche di presidente, consiglio direttivo e revisori dei conti dell’Ordine degli Infermieri di Parma si profila una battaglia senza precedenti.

I tre commissari inviati dal Ministro della Salute Giulia Grillo all’Ordine degli Infermieri di Parma dopo la mancata approvazione del bilancio e la relativa caduta anticipata degli incarichi in OPI si sono già messi al lavoro. Dopo Ferragosto e dopo aver analizzato la reale situazione di cassa dell’Ente, avvieranno le procedure per l’indizione delle prime elezioni dell’Ordine infermieristico parmense, previste per fine ottobre 2019 e valide per il quadriennio successivo fino al 2023. I gruppi che scenderanno in campo saranno tre. Scopriamo quali.

Come risaputo gli iscritti all’OPI non possono eleggere direttamente il Presidente, ma possono darne chiara indicazione suffragandolo di voti. A Parma, dopo le ultime vicende che hanno portato allo scioglimento anticipato degli organi dirigenziali dell’OPI si è creata una netta spaccatura tra chi lo amministrava. Da una parte vi è il presidente uscente Alfonso Sollami, dall’altra l’ex-presidente Matteo Manici, costretto a lasciare il passo dopo l’inchiesta per peculato di cui si è parlato ampiamente in passato (e che pare sia rientrata in parte). Tra i due litiganti ovviamente vi è sempre il terzo incomodo. Possiamo ufficializzare senza paure di smentite l’ingresso in campo dell’infermiere libero professionista Alessio Carluccio, che nei giorni scorsi ci ha inviato una missiva attraverso cui si rammaricava per le vicissitudini interne all’Ordine a cui è iscritto e della provincia in cui lavora come imprenditore.

Carluccio è entrato in punta di piedi nella competizione. Anche se lui smentisce, ha ascoltato sia Sollami, sia Manici, comunicando ai due che sarebbe sceso in campo per il bene della professione. Attorno a lui tanti giovani e colleghi infermieri che vogliono cambiare pagina.

Sollami inizialmente aveva fatto capire che non si sarebbe ricaricato, ma probabilmente lo farà e se non troverà l’intesa con il gruppo di Manici scenderà in campo con una propria coalizione (non è detto che voglia pare il di nuovo il presidente).

Fatto sta ad oggi restano in piedi tre strade. Sostenere le cordate che fanno riferimento a:

  • Alfonso Sollami, presidente uscente, un tempo sorretto dal defunto movimento politico Noi Siamo Pronti;
  • Matteo Manici, ex-presidente, tra gli ideatori del movimento politico Noi Siamo Pronti;
  • Alessio Carluccio, aspirante presidente e imprenditore nel campo infermieristico e assistenziale.

Ad accomunarli solo la barba folta, per il resto sono tre personaggi profondamente differenti tra di loro.

Ovviamente la discesa in campo di Carluccio ha fatto innervosire tanti soggetti, anche perché ad oggi resta imprevedibile il risultato finale.

Come già detto il Consiglio Direttivo dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Parma è stato sciolto dal Ministero della Salute, con contestuale nomina di una commissione straordinaria (di cui due iscritti agli Albi professionali delle Professioni Infermieristiche e uno di individuazione ministeriale) per la gestione dell’Ordine fino all’insediamento dei nuovi organi direttivi.

La commissione straordinaria risulta quindi così composta:

  • Dott. Sandro ARNOFI (Infermiere designato dalla FNOPI);
  • Dott. Cosimo CICIA (Infermiere designato dalla FNOPI);
  • Dott. Corrado BONADEO (designato dal Ministero).

Saranno loro a decidere sulla tempistica delle elezioni. Intanto, come regola vuole, hanno provveduto ad aggiornale il sito internet dell’OPI, eliminando la vecchia compagine dirigenziale per non favorire nessuno dei contendenti.

Vi terremo aggiornati sugli accadimenti futuri. Stay tuned.

Potrebbe interessarti...