histats.com
venerdì, Giugno 18, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriOPI Torino: nella riorganizzazione della Sanità Piemontese resta importante l'Infermiere di territorio.

OPI Torino: nella riorganizzazione della Sanità Piemontese resta importante l’Infermiere di territorio.

Ordine delle Professioni Infermieristiche di Torino: «Nella riorganizzazione della sanità piemontese è fondamentale il ruolo dell’infermiere di territorio»

«Nella rivoluzione dei medici di base il ruolo dell’infermiere non può essere messo in secondo piano»: queste le parole di Massimiliano Sciretti, presidente dell’Ordine delle Professioni infermieristiche di Torino sulle novità del piano elaborato dalla task force regionale guidata dall’ex ministro della Sanità Ferruccio Fazio.

Un progetto che vede in primo piano il format della medicina di gruppo, con la Regione che intende investire negli studi associati per fornire loro mezzi tecnologici e personale negli studi per far fronte all’emergenza Covid nella fase 2 ma anche per il futuro.
In questo contesto il ruolo professionale dell’infermiere, osannato durante l’emergenza Coronavirus, non deve essere trascurato.

«Chiediamo un forte impegno della Regione Piemonte – aggiunge Sciretti anche a nome del Coordinamento delle professioni infermieristiche di tutto il Piemonte – nella ricollocazione dell’infermiere di famiglia a partire dal 2021. Per rimodulare il paradigma della sanità territoriale quindi fondamentale che venga implementato il ruolo dell’infermiere del territorio». Un appello condiviso da tutte gli OPI piemontesi, in rappresentanza di circa 32mila iscritti agli albi provinciali. Tantissimi infermieri che vogliono far sentire la loro voce.

Già da tempo è stato avviato un tavolo di lavoro sulla figura e sulla formazione degli infermieri di famiglia e di comunità: un progetto che vede coinvolti Aifec (associazione infermieri di famiglia e comunità) insieme all’Università del Piemonte sotto la supervisione di Opi Torino e con il contributo a livello nazionale di Fnopi.

A fronte della situazione epidemiologica e demografica della popolazione italiana, la necessità di adottare soluzioni innovative per garantire la sostenibilità e risposte di qualità da parte del Servizio Sanitario Nazionale parte proprio dall’infermiere di famiglia e di comunità.

«L’infermiere di famiglia e comunità – conclude Sciretti – promuove l’evoluzione del modello assistenziale paternalistico a quello partecipativo, attraverso il coinvolgimento attivo della persona assistita e della sua rete familiare. È ben inserito nel lavoro di rete con le altri professioni socio-sanitarie e le risorse della comunità. È una figura molto importante tra i professionisti della sanità».

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394