histats.com
domenica, Maggio 19, 2024
HomeInfermieriAssociazioni InfermieristicheNursing Up denuncia: «Infermieri letteralmente abbandonati a sé stessi negli orari notturni».

Nursing Up denuncia: «Infermieri letteralmente abbandonati a sé stessi negli orari notturni».

Pubblicità

De Palma (Nursing Up): «Infermieri letteralmente abbandonati a se stessi negli orari notturni, e in particolare nei weekend, quando i pronto soccorso sono più che mai congestionati».

«Ci riproviamo, non abbiamo intenzione di mollare la presa, vogliamo andare fino in fondo a ciò che sta accadendo negli ospedali italiani, soprattutto dopo che, qualche giorno fa, una nota del Ministero degli Interni ha diffuso la notizia, innegabile, che sono stati attivati, da nord a sud, 51 nuovi presidi di pubblica sicurezza, allo scopo di arginare la drammatica escalation di violenze che si consuma, da tempo immemore, ai danni degli infermieri e degli altri professionisti della salute.

189 presidi ad oggi attivi

in totale tra vecchi e nuovi: sono questi i numeri del Viminale, che certamente mantiene fede, almeno in parte, a ciò che il Ministro Piantedosi aveva pubblicamente promesso.

Allora, noi del Nursing Up, siamo tornati negli ospedali, abbiamo parlato con gli infermieri, abbiamo raccolto le loro testimonianze attraverso i nostri referenti locali.

Lo abbiamo fatto di nuovo

negli ultimi giorni, e abbiamo preso in esame due delle Regioni più coinvolte, da sempre, nei drammatici episodi di violenza che vedono vittime sacrificali i nostri operatori sanitari, ovvero il Lazio e la Campania, in particolare la provincia di Roma e quella di Napoli, con ospedali enormi, notoriamente già deboli per carenze strutturali vecchie anni luce, con bacini di utenza a dir poco enormi.

Siamo andati a capire cosa succede

al “Cardarelli”, all’”Ospedale del Mare”, al “Pellegrini”, tutti ospedali della complessa e delicata realtà cittadina partenopea, che servono migliaia di pazienti ogni giorno, strutture che da sempre sono nell’occhio del ciclone e alla ribalta della cronaca nera per scabrosi episodi di aggressioni ai nostri infermieri.

Abbiamo poi fatto tappa

sempre attraverso i nostri referenti, nell’altrettanto delicata e vasta area romana: il Tor Vergata, il Sant’Eugenio, il Sant’Andrea, il Forlanini, il Policlinico Umberto I, il Grassi di Ostia, una città nella città. Come funzionano qui i presidi di pubblica sicurezza attivati dal Ministero? Le risposte che sono arrivate non sono certo completamente soddisfacenti.

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up.

«La situazione

che abbiamo trovato in Campania è addirittura più grave, e denota molti più ritardi di quella romana.

A quanto ci risulta

sia il Cardarelli che l’Ospedale del Mare non hanno ancora nessun presidio di polizia attivo, incredibile ma vero.

Al “Pellegrini”

invece, salito alla ribalta della cronaca nera per 10 episodi di aggressioni solo dall’inizio dell’anno, è attivo un presidio fino all’una di notte.

Ci chiediamo a questo punto perché non si pensi di chiudere davvero il cerchio.

Perché allora lasciare soli gli infermieri

negli orari notturni, quelli più difficili, quelli che a Napoli vedono le presenze di tossicodipendenti, addirittura di armi, nella migliore delle ipotesi di pazienti e di parenti di pazienti in preda a scatti di ira incontrollabile quando ci sono lunghe attese nell’area triage, affidando la supervisione della sicurezza degli infermieri, molto spesso, solo a vigilantes esterni, che il più delle volte non sono presenti nell’area dei pronto soccorsi ma restano all’esterno, in attesa magari di essere allertati e pronti a intervenire solo quando le violenze si sono già consumate?

E mentre gli operatori sanitari

del Cardarelli e dell’Ospedale del Mare attendono ancora risposte concrete, circa la tutela della propria sicurezza personale, a Roma le cose non vanno tanto meglio.

I 18 presidi attivati

dal Ministero degli Interni ci sono tutti, ma da nostra indagine risulta chiaramente che funzionano solo ed esclusivamente dalle 8 alle 20 e dal lunedì al venerdì.

Perché questa scelta?

Perché privare gli infermieri e gli altri operatori sanitari della presenza di agenti di polizia, a fare anche da deterrente rispetto a possibili azioni “scellerate” proprio quando, negli orari notturni e in particolare nei fine settimana, le situazioni possono degenerare di più?

Pensate

al Grassi di Ostia e all’apertura dei locali notturni estivi del litorale, con possibili malori o abusi di sostanze, e il via vai nel pronto soccorso di quella che è una vera città.

Pensate

al Tor Vergata dove il bacino di utenza è soprattutto quello di una zona periferica con problematiche non facili da gestire. Pensate a quanti episodi di aggressioni hanno caratterizzato negli ultimi anni il Sant’Andrea, il Forlanini, il Sant’Eugenio, dove di notte, nei pronto soccorso, un solo infermiere deve anche gestire a volte 20 pazienti alle prese con ansia, stress, rabbia paura.

Pensate a ospedali grandi quanto piccole città, dove un infermiere potrebbe essere aggredito in un reparto che dista 30 minuti a piedi dal pronto soccorso, laddove è unicamente presente l’agente di polizia.

Innegabile

qualcosa si è mosso da parte del Viminale, ma ci pare chiaro che non sia abbastanza. Per questo rimarremo “sul pezzo” e cercheremo, come abbiamo sempre fatto, con indagini costanti, di monitorare l’evolversi della situazione», conclude De Palma.

_________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AsssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394