Infermieri sempre più professionisti preparati che tutelano il Cittadino.
Infermieri sempre più professionisti preparati che tutelano il Cittadino.
Pubblicità

Ci sono cose che si possono dire/fare e cose che non si possono dire/fare al Paziente e in particolare al Paziente allettato. Ecco 7 consigli utili per il Professionista Infermiere.

Una buona relazione Infermiere-Paziente è essenziale per garantire un’assistenza di qualità. La comunicazione terapeutica è la chiave per raggiungere questo obiettivo e le competenze trasversali di un Professionista Infermiere sono importanti per renderlo possibile.

Sebbene il benessere socio-culturale e psicologico dell’Assistito siano considerazioni fondamentali nell’approccio al Paziente e in special modo al Paziente allettato, ci sono utili suggerimenti di conversazione che ti guideranno nel rispondere correttamente ai tuoi Utenti.

Ecco alcuni suggerimenti per ottenere la migliore risposta dal Paziente utilizzando le migliori maniere al suo capezzale:

  • Da non fare: parlare rapidamente, porre più serie di domande o cambiare argomento rapidamente.
  • Perché: i pazienti possono essere facilmente confusi. Potrebbero non essere in grado di comunicare in modo efficace.
  • Esempio: “Qual è il tuo nome? Ti vedo come i libri. Come ti senti?”
  • Da fare: dare ampie aperture in modo da poter avere indizi su cosa esplorare con il paziente.
  • Esempio: “Ciao, sono Lina, la tua infermiere. Di cosa vuoi parlare oggi?”.
  • Da non fare: dai il tuo giudizio, opinione o credenze. Usare parole come “grande, bello, sbagliato, cattivo, buono, dovrebbe, dovrebbe, ecc.” Implica un giudizio.
  • Perché: questa è una fonte comune di incomprensioni tra un’infermiere e un paziente. Un paziente può temere di comunicare i propri pensieri con un’infermiere che parla apertamente di opinioni o giudizi.
  • Esempio: “È sbagliato. Non dovresti pensarci. Come cristiani, non dovremmo essere iniziatori di tali pensieri”.
  • Da fare: dichiarare ai pazienti ciò che avete osservato in modo che possano confermare di aver compreso le loro dichiarazioni. Riassumi riassumendo i punti principali della discussione.
    Esempio: “Sembri preoccupato. All’inizio, hai dichiarato di dubitare delle tue decisioni e che include … “
  • Da non fare: non fornire feedback, rispondere in modo inappropriato;
  • Perché: le dichiarazioni di un paziente non devono essere date per scontate. Devono essere riconosciuti in quanto potrebbero contenere importanti spunti che potrebbero riflettere le condizioni del paziente.;
  • Esempio: la paziente ha chiesto all’infermiere la sua dieta, ma lei se n’è andata.
  • Da fare: pratica l’ascolto attivo. Osservare i segnali sia verbali che non verbali del paziente. Mantenere il contatto visivo e fare osservazioni verbali per incoraggiare la progressione della comunicazione.
  • Esempio: “Sì, ti ho sentito. Ti è stata prescritta una dieta povera di sale e povera di grassi. Puoi avere carne magra e verdure per i tuoi pasti. Hai problemi a scegliere cosa mangiare?”.
  • Da non fare: dai false rassicurazioni o aspettative non realistiche come usare cliché per alleviare le preoccupazioni o le paure dei tuoi pazienti.
  • Perché: i pazienti possono perdere la fiducia nel loro team sanitario se la falsa rassicurazione che hanno sentito si è rivelata impossibile.
  • Esempio: “Non preoccuparti della tua diagnosi. Andrà tutto bene”.
  • Da fare: impostare aspettative realistiche. Fornire informazioni che aiuteranno il paziente a comprendere meglio la situazione.
  • Esempio: “Ti viene diagnosticata la leucemia linfoblastica acuta. Ci sono trattamenti per questo come la chemioterapia e la radioterapia.
  • Da non fare: chiedi “perché” direttamente al paziente.
  • Perché: porre la domanda “perché” può avere un impatto negativo. Lo farà sentire giudicato, il che può portare a risposte difensive.
  • Esempio: “Hai detto che pensi che il medico abbia una diagnosi sbagliata. Perché?”.
  • Da fare: esplora la dichiarazione del paziente e sii obiettivo nel porre domande di follow-up. Puoi ancora arrivare al motivo dietro la dichiarazione del paziente cambiando il tuo approccio.
  • Esempio: “Hai detto che pensi che il medico abbia una diagnosi sbagliata. Ci sono altre informazioni o sintomi che vuoi condividere?”.
  • Da non fare: esprimi i tuoi sentimenti o eventuali dettagli personali.
  • Perché: quando si stabilisce un rapporto, i propri sentimenti o eventuali dettagli personali sono irrilevanti per il paziente. Parlare di più di te stesso rovinerà il rapporto in erba che stai instaurando con il tuo paziente.
  • Esempio: “Ti piacciono i fiori qui nella tua stanza? Mi piacciono, infatti, il mio giardino di casa è pieno di fiori diversi. ”
  • Da fare: quando parli con il tuo paziente, tieni presente che la conversazione dovrebbe riguardare lui. In questo modo, può sentire che sei un buon ascoltatore e otterrai la sua fiducia.
  • Esempio: “Ti vedo come il tuo libro da colorare! Qual è il tuo personaggio preferito nel set?”.
  • Da non fare: cambia argomento durante le conversazioni.
  • Perché: cambiare improvvisamente l’argomento della conversazione influirà negativamente sul rapporto instaurato con il paziente. Sentirà che non stai prestando attenzione a ciò che sta dicendo.
  • Esempio: il paziente piange per il suo prossimo intervento chirurgico quando l’infermiere chiede “Hai preso la pillola stamattina?”.
  • Da fare: riconoscere il “voler comunicare” del paziente. Quando il paziente diventa emotivo, puoi rimanere in silenzio e lasciargli esprimere le sue emozioni.
  • Esempio: il paziente piange per il suo prossimo intervento chirurgico e l’infermiere ha detto “Capisco che questo è un momento difficile per te. Posso restare qui un po ‘di più se questo aiuta. ”

Indicazioni non verbali a cui fare attenzione.

I segnali non verbali sono importanti quanto la comunicazione verbale. Alcune persone sono più sensibili ai segnali non verbali in quanto riflettono pensieri “non detti”.

Ecco alcuni suggerimenti su cosa fare e cosa evitare con i gesti quando si interagisce con il Paziente.

Cosa non fare.

  • Sorriso inappropriato: sorridere in modo inappropriato, specialmente in situazioni gravi, farà pensare al tuo paziente che non gli stai credendo. Riflette anche una mancanza di attenzione per la conversazione in corso.
  • Braccia o gambe incrociate: l’incrocio delle braccia o delle gambe crea un confine fisico tra te e il paziente. La postura chiusa interrompe la comunicazione aperta e spontanea.
  • Sopracciglia alte: alzare le sopracciglia o fare la faccia durante la conversazione lascia un’impressione negativa al paziente. Queste azioni implicano un pensiero critico e il paziente si sentirà a disagio nel continuare a conversare con te.

Cosa fare.

  • Annuire con la testa: fallo mentre ascolti il ​​paziente riflette l’ascolto attivo. Il paziente avrà una convalida non verbale che ti stai concentrando sulle sue affermazioni.
  • Sedersi o stare in piedi senza muoversi: quando si avvia una conversazione, tu e il tuo paziente dovreste essere nello stesso livello di prospettiva. Sedersi o stare allo stesso livello con lui per evitare l’impressione di “parlargli”.
  • Restare in silenzio per un po’: l’assenza di osservazioni verbali può essere terapeutica in quanto dà il tempo di riflettere sulla conversazione in corso. Inoltre, consente al paziente di pensare alle sue affermazioni ed elaborare ulteriori informazioni.

Ci vuole molta esperienza per essere un esperto di comunicazione terapeutica. Se intendi migliorare le il tuo modo di fare al letto del Paziente tieni solo presente che per il suo bene devi preoccuparti di mantenere una conversazione a scopo terapeutico.

Se ti comporterai in questo modo vedrai che migliorerai giorno dopo giorno e la tua azione sul Paziente sarà sempre più efficace, come pure la sua Compliance.