Pubblicità

??  Nasce SIGERIS Società italiana dei Gestori del Rischio in Sanità. Prima caratteristica: la multidisciplinarietà.

Nasce la SIGeRIS, Società italiana dei Gestori del Rischio in Sanità, che ha come obiettivo quello di supportare, implementare e coordinare l’azione degli operatori sanitari e sociosanitari impegnati, per ruolo e/o funzione aziendale, nella realizzazione di politiche di qualità e sicurezza delle cure e degli ambienti in cui le cure sono prodotte.

La chiave principale della nuova Società scientifica è l’assoluta multidisciplinarietà e l’apertura a tutti gli stakeholder, cittadini in primis.

L’azione dei gestori del rischio che aderiscono a SIGeRIS è estesa anche alla protezione del patrimonio aziendale, attraverso le attività di gestione dei sinistri e la miglior collocazione del rischio sanitario sul mercato assicurativo.

Gli scopi della Società sono realizzati attraverso iniziative scientifiche, culturali, formative e professionali, i cui contenuti sono ispirati alle evidenze scientifiche e traggono origine dalle migliori pratiche cliniche e tecniche.

Attraverso tali iniziative SIGeRIS punta all’ aggiornamento e la crescita scientifica del settore e promuove la diffusione delle attività di gestione del rischio sanitario, favorendo la didattica e l’accreditamento formativo, secondo le normative, pubblicando gli atti degli incontri scientifici organizzati, incentivando la redazione di articoli su riviste nazionali e internazionali e l’edizione di giornali, siti web e riviste tecniche di settore.

Il modello è quello “italiano di gestione del rischio in sanità” della Luiss, messo a punto dagli stessi membri fondatori della Società e “il primo obiettivo operativo – spiega Luigi Pais de Mori, presidente dell’ordine delle professioni infermieristiche di Belluno (la FNOPI ha sottoscritto a suo tempo il modello) e tra i fondatori di SIGeRIS- sarà accreditarsi presso il ministero della Salute per essere inseriti nell’elenco delle società scientifiche per la produzione di linee guida secondo la legge 24/2017”.

L’Associazione assicura i rapporti con gli Organi e le Istituzioni competenti e si fa promotrice presso di essi dell’adozione di provvedimenti legislativi e normativi utili alla diffusione delle esperienze emerse.

L’Associazione – che organizzerà a primavera 2020 il suo primo convegno nazionale – favorisce e facilita i contatti fra gli operatori di qualsiasi area, sanitaria e sociosanitaria, comunque interessati agli scopi associativi, facendosi garante e promotrice di ogni collaborazione interdisciplinare, stabilisce e mantiene rapporti con le altre associazioni Scientifiche regionali, nazionali e internazionali.

Inoltre, stabilisce e mantiene rapporti con le Società di brokeraggio, le Compagnie assicurative e con qualsiasi organo/ente/istituzione/società a qualsiasi titolo coinvolto nella gestione medico-legale, legale, assicurativa, economico­ finanziaria del rischio aziendale.

L’attuale consiglio direttivo è composto da Andrea Minarini (medico, presidente), Stefano Mezzopera (Adjunct professor e direttore dei corsi in gestone del rischio in sanità di Luiss Business School, vicepresidente, segretario tesoriere Debora Maria Luisa Simonetti (medico dell’emergenza). Consiglieri sono: Luigi Pais dei Mori (infermiere, presidente OPI Belluno), Monia Mancini (Cittadinanzattiva), Vincenzo De Filippis (medico), Vincenzo Arbucci (medico, specialista in gestione del rischio clinico), Giampiero Ucchino (medico).