Pubblicità

Mobilità Infermieri Puglia 2020. Gli aventi diritto scrivono a Speranza, Emiliano, Lopalco: “fateci tornare a casa; liberalizzate le graduatorie”. I firmatari si mettono a disposizione delle aziende sanitarie pugliesi per l’immediata assunzione a supporto della lotta contro la Pandemia da Coronavirus.

Il Movimento Mobilità Infermieri Puglia ora fa sul serio e scrive al ministro della salute Roberto Speranza, al governatore della Puglia Michele Emiliano, all’assessore alla salute Pier Luigi Lopalco, al direttore del dipartimento protezione salute della Regione Vito Montanaro e alla Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche (FNOPI) chiedendo di rendere attiva le graduatorie intra-regionale ed extra-regionale.

Il gruppo ribadisce di essere a disposizione della Regione ed in particolare dell’Azienda Sanitaria Locale di Bari per l’immediata assunzione. E ciò perché “…in un periodo così drammatico dal punto di vista sanitario (ricordiamoci che siamo in piena Pandemia da nuovo Coronavirus) per l’Italia intera ed in particolare per la Puglia mettiamo a disposizione della nostra terra d’origine tutta le nostre esperienze, competenze e professionalità accumulate negli anni negli ospedali regionali ed extra-regionali“.

Ecco la missiva inviata oggi dagli Infermieri idonei alla Mobilità Puglia 2020.

Al Ministro della Salute
Dott. Roberto Speranza
PEC [email protected]

Al Governatore della Regione Puglia
Dott. Michele Emiliano
PEC [email protected]

All’Assessore alla Salute della Regione Puglia
Dott. Pier Luigi Lopalco
PEC [email protected]

Al Direttore Dipartimento Protezione Salute
Dott. Vito Montanaro
PEC [email protected]

Alla Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche
PEC [email protected]

E p.c.

Agli Ordini Professioni Infermieristiche provinciali

Ai direttori generali della aziende sanitarie pubbliche pugliesi

Ai tutti i sindacati di categoria

Agli organi di stampa

Oggetto: Messa a disposizione a tempo indeterminato in qualità di Infermiere per l’emergenza Covid. Assunzione tramite graduatoria e slittamento della stessa. Mobilità intra ed extra-regionale.

Egr.i,

con la presente si comunica la nascita del Movimento Mobilità Infermieri Puglia, spontaneamente e liberamente costituitosi sui social-network al fine di chiedere l’assunzione immediata degli aventi diritto e di tutti i colleghi in graduatoria nella Mobilità Infermieri Puglia per 566 posti (intra ed extra-regionale).

Siamo in totale 3600 Infermieri, di cui circa 1600 impegnati nella mobilità intra-regionale e ben 2000 in quella extra-regionale.

PER QUANTO SU ESPOSTO

Lo/lascrivente ….

CHIEDE

di assumere gli aventi diritto e di far scorrere fino alla fine le due graduatorie (intra ed extra-regionale).

In un periodo così drammatico dal punto di vista sanitario (ricordiamoci che siamo in piena Pandemia da nuovo Coronavirus) per l’Italia intera ed in particolare per la Puglia mettiamo a disposizione della nostra terra d’origine tutta le nostre esperienze, competenze e professionalità accumulate negli anni negli ospedali regionali ed extra-regionali.

Molti di noi hanno lavorato o lavorano in area COVID all’interno della Regione e in altre Regioni, soprattutto al Nord e al Centro della penisola, e possono contribuire a dare soluzioni, consigli e pratica assistenza a tutti coloro che sono stati contagiati dal Coronavirus e che oggi (e domani) sono ricoverati in regime ospedaliero o domiciliare.

La liberalizzazione delle graduatorie, ovvero lo scorrimento completo delle stesse, avrebbe a nostro avviso più scopi:

· reperire personale infermieristico preparato e competente in materia di Covid e di assistenza in generale;
· permettere i riavvicinamenti familiari;
· eliminare le situazioni di stress e burnout correlate a mancati trasferimenti nei territori di origine.

Confidiamo in Lei Ministro Speranza, in Lei Governatore Emiliano, in Lei Assessore Lopalco, in Lei Direttore Montanaro e in tutti i direttori generali, i rappresentanti ordinistici e i segretari delle organizzazioni sindacati perché non facciate finire nel dimenticatoio questa missiva e permettiate a chi vuole tornare a casa di farlo.

La presente vale anche come diffida a non continuare a reclutare con espedienti giuridici mortificanti unità infermieristiche escluse dalle due graduatorie attualmente vigenti.

Si resta in attesa di riscontri e si porgono distinti saluti.

In fede.

Firma

2 COMMENTS

Comments are closed.