histats.com
lunedì, Agosto 15, 2022
HomeInfermieriMarisa, Infermiera: "guadagno 1000 euro in RSA e dovrei essere felice? Torno...

Marisa, Infermiera: “guadagno 1000 euro in RSA e dovrei essere felice? Torno a fare la cameriera a 2000 euro al mese”.

Pubblicità

Ci scrive Marisa, Infermiera: “guadagno 1000 euro in RSA e dovrei essere felice? Torno a fare la cameriera a 2000 euro al mese”.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

la seguo da un po’di di anni, da quando dirigeva Nurse24. Ci siamo confrontati e scontrati tante volte. Grazie ai suoi consigli mi solo laureata nei tre anni a Rimini (CDL Infermieristica, Università di Bologna) a pieno voti e ho discusso una tesi futuristica.

Credevo molto in questa professione, pensavo fosse la più bella e la più figa al mondo, ma poi mi è crollato il mondo addosso non appena ho verificato che proprio così rinomata non è. Anzi, penso sia tra le professioni sanitarie e socio sanitarie meno considerate in Italia.

Da tre anni lavoro in una RSA nell’hinterland riminese. Prima del Covid si stava bene, tant’è che ho rifiutato persino l’assunzione a tempo indeterminato nell’Ausl Romagna.

Da dicembre 2021 mi è precipitato il mondo addosso. La RSA ha dato in gestione i servizi infermieristici ad una nota cooperativa rossa e da allora per noi Infermieri, ma anche per gli OSS e le altre professioni sanitarie e socio sanitarie, è iniziato un incubo.

Da gennaio 2022 ci hanno praticamente messi davanti ad un bivio: diventare soci della Cooperativa e percepire poco più di 1000 euro al mese o andar via e cercare fortuna altrove.

Io sono ragazza madre come ben sa e mettermi a cercare altra occupazione mi è un po’ difficile. Per cui ho accettato e in tre mesi ho percepito 3000 euro netti. Non basta per l’affitto e non basta per mangiare e per sfamare la mia creatura.

Purtroppo dopo io lavoro sono costretta ad occuparmi di assistenza in nero o di fare la cameriera.

Ed è proprio la cameriera che tornerei a fare. Prima del Corso di Laurea in Infermieristica guadagnavo 2000 euro netti al mese più mance. Ora sono costretta a fare la fame e ad impegnare il mio tempo libero per arrotondare.

Non ne posso più, altro che stati generali dell’Infermieristica, qua bisogna fare la rivoluzione. Possibile che chi ci dirige a livello ordinistico non faccia nulla?

Nelle RSS c’è un sommerso e un mondo di sopraffazione e di demansionamento che fa spavento, ma nessuno ne parla e quando ci, si rivolge agli OPI o ai sindacati ci dicono sempre di denunciare. Io lo farei pure, ma chi mi tutela? Una denuncia significa licenziamento immediato e oggi quei 1000 euro mi fanno comodo almeno per bollette, affitto e spese di trasporto.

Sono delusa, spero di trovare questo il coraggio di dire a me stessa che due lustri fa ho fatto una cazzata e che non dovevo iscrivermi a quel CDL.

Mi sono inguaiata da sola.

Grazie per aver accolto il mio sfogo.

Buon lavoro Riky.

Marisa P., Infermiera

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394