histats.com

Mancano Infermieri in Toscana: Forza Italia scende in campo.

Mancano Infermieri in Toscana: Forza Italia scende in campo.

Da Massa a Livorno, da Pisa a Lucca e in Versilia mancano infermieri. Marchetti (FI): «Non solo garanzie sul turnover ma nuove assunzioni».

Il Capogruppo regionale di Forza Italia Maurizio Marchetti preoccupato. «Allarme sindacati su carenze di organico, a rischio pazienti e operatori»

Maurizio Marchetti, Forza Italia.
Maurizio Marchetti, Forza Italia.

«La carenza di personale addetto all’assistenza dei pazienti negli ospedali della Asl Nord Ovest assume contorni preoccupanti, con un rapporto tra sanitari e pazienti doppio o più rispetto a quanto previsto dagli studi sugli standard ottimali. Questi dati prodotti da parte dei sindacati infermieristici non solo mettono a rischio i professionisti dell’assistenza, piegati da carichi di lavoro massacranti, ma anche i loro pazienti. Bisogna non solo garantire la copertura del turnover in vista dei pensionamenti, ma anche procedere a nuove e tempestive assunzioni non col contagocce come fatto finora»: a parlare così è il Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti, preoccupato per la piega che stanno prendendo i rapporti tra lavoratori della sanità e Azienda sanitaria Toscana Nord Ovest in particolare per quanto riguarda le carenze di personale infermieristico.

«Da tempo – ricorda Marchetti – la Toscana è indietro quanto al numero di infermieri in corsia. Fatta eccezione per il decreto emanato dal ministero della salute il 13 settembre 1988, norme nazionali di riferimento sulle piante organiche non ce ne sono e la materia è demandata alle Regioni. Ebbene, ci sono però gli studi. Solo a novembre dello scorso anno – prosegue il Capogruppo regionale di Forza Italia – nel suo rapporto Health at a Glance Europe 2018 l’Ocse confermava che in Italia il numero di infermieri per 1000 abitanti era tra i più bassi fra i 35 paesi considerati. La Toscana, in questo contesto, non brilla. Un’elaborazione dell’ordine delle professioni infermieristiche basato sul conto annuale della ragioneria dello stato mostra come in Toscana il rapporto tra infermieri e medici, internazionalmente ritenuto ottimale all’1:3, si attesta a 1:2,6. Per raggiungere il rapporto ottimale mancherebbero 2.955 infermieri. Nella Asl Nord Ovest le carenze appaiono più sofferte che altrove, in un contesto in cui esse sono comunque strutturali. Certo non possono essere ritenuti sufficienti i reclutamenti di una o due unità per presidio ospedaliero, magari assunte a tempo determinato. Anzi dirò di più: queste iniziative aziendali a pizzico di sale rischiano far bruciare ancor di più la ferita del sottodimensionamento degli organici in quei lavoratori dell’assistenza che ogni giorno sono sovraccaricati di una mole di lavoro superiore al normale».

L’unica via, torna a invocare Marchetti, è quella delle assunzioni: «Reclutamenti di personale stabile e motivato – insiste – con cui ristrutturare gli organici degli ospedali toscane e in particolare di Lucca, Versilia, Massa Carrara, Pisa e Livorno riprogettandoli sulla base dei nuovi e crescenti bisogni di assistenza e cura espressi dalla popolazione. Esasperare gli animi dei lavoratori della sanità non serve ad altro che ad aumentare stress e rischio lavoro correlati, esponendo per conseguenza anche i pazienti a ripercussioni».

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394