histats.com

L’Infermiere facilitatore e il management assistenziale della persona amputata.

L’Infermiere facilitatore e il management assistenziale della persona amputata.

Le amputazioni di arti e/o tessuti rappresentano un problema serio per i Pazienti, che devono “ricostruirsi”. Come funziona il Management assistenziale in questo ambito e qual è il ruolo dell’Infermiere facilitatore?

L’amputazione è presumibilmente uno dei più antichi atti chirurgici, sebbene nel tempo ne siano cambiate le cause, le indicazioni e i limiti. Attualmente, nel mondo occidentale, le principali cause d’amputazione sono rappresentate da patologie croniche degenerative vascolari, neoplasie e traumatismi come incidenti stradali, sul lavoro, domestici, sportivi.

L’amputazione è la rimozione di una parte del corpo o di tessuto a seguito di un trauma fisico o di un intervento chirurgico; è un trauma violento e può verificarsi in maniera netta (per esempio un taglio) o in seguito a strappamento.

Essendo un atto chirurgico, essere programmato (chirurgia d’elezione) oppure eseguito in estrema urgenza (chirurgia di emergenza), in quest’ultimo caso è molto importante il limite nella ripresa funzionale imposto dalla necessità di eseguire l’intervento nel più breve tempo possibile per prevenire complicanze spesso fatali.

Per amputazione intendiamo l’asportazione del segmento di un arto ottenuta sezionando lo scheletro nella sua continuità; per disarticolazione la demolizione viene effettuata secondo un’interlinea articolare. Nella disarticolazione si asporta un arto, o il suo segmento, distaccandolo in corrispondenza di una delle  articolazioni.

L’accertamento infermieristico può essere considerato come la fotografia del paziente all’ingresso, consiste in una raccolta sistematica di dati volti a verificare lo stato di salute del paziente e identificare i suoi problemi reali o potenziali. Questo momento assistenziale rappresenta una componente molto importante del processo di nursing. L’accertamento infermieristico consiste nella raccolta, organizzazione, validazione e registrazione delle informazioni sulle condizioni di salute della persona.

Le informazioni sono raccolte attraverso l’osservazione, l’intervista, l’esame fisico, l’intuizione e molte altre fonti, inclusi pazienti, i familiari/caregiver, documentazioni sanitarie, altri componenti dell’équipe sanitaria e la revisione della letteratura. Lo scopo dell’accertamento infermieristico è di raccogliere dati sul paziente (individuo, famiglia o comunità) che possano essere usati nella diagnosi, nell’identificazione dei risultati attesi, nella pianificazione e nell’attuazione dell’assistenza. Senza dati dell’utente non si può parlare di assistenza personalizzata, ma cosa più preoccupante, si corre il rischio di dare assistenza rispondendo ai bisogni del personale e della struttura e non della persona ricoverata.

Sulla base dei bisogni assistenziali del paziente amputato viene costruito un piano di assistenza personalizzato, con la formulazione di diagnosi infermieristiche, come ad esempio:

  • ansia, correlata a insufficiente conoscenza della routine postoperatoria, delle sensazioni postoperatorie e delle tecniche per la deambulazione con le stampelle;
  • rischio elevato di compromissione della mobilità, correlato a limitazione del movimento secondaria a dolore;
  • rischio elevato di disturbo dell’immagine corporea, correlato a effetti negativi percepiti dell’amputazione sullo stile di vita;
  • dolore, correlato a interruzione chirurgica di strutture corporee;
  • deficit nella cura di sé, correlato a perdita di un arto;
  • lutto e/o rischio di lutto complicato, correlato a perdita di una parte del corpo e conseguente disabilità.

I risultati attesi dell’assistito possono essere centrati sui seguenti obiettivi: non provare dolore, compreso il dolore da arto fantasma (impiega mezzi per aumentare il benessere e attenuare il dolore, partecipa alle attività di cura personale e di riabilitazione, riferisce di non avere sensazioni da arto fantasma), la ferita guarisce normalmente, dimostra un miglioramento dell’immagine corporea ed attua efficaci strategie di coping (ritorna ai suoi contatti sociali, mostra fiducia nelle sue abilità, si prende cura di se autonomamente e non presenta complicanze).

Per affrontare un cambiamento come l’amputazione di un arto, è necessario poter contare su diversi punti di riferimento quali: infermiere, medico, psicologo, famigliari/caregiver, persone che condividono la stessa condizione di vita. L’infermiere diviene una figura di raccordo tra cure mediche e supporto familiare, valorizzando le risorse del paziente e delle figure di riferimento professionali e familiari, per riorganizzare la vita della persona amputata ed aiutarlo ad adottare strategie di coping efficaci.

Avatar

Dott.ssa Barbara Sofritti

Infermiera, coordinatore Ortopedia Ospedale Maggiore di Bologna, Docente di lnfermieristica, una Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche, una Laurea in Formatore (promozione e sviluppo risorse umane), una Laurea Specialistica in Educazione Permanente, un Master in Funzioni Direttive e Gestione Servizi Sanitari, un corso di Alta Formazione per Direttori Struttura Complessa e qualcos’altro…ha abbandonato gli studi per andare in vacanza... e per scrivere su Assocarenews.it. vive con due chihuahua sotto San Luca.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: