Infermieri tappabuchi e sottopagati: interviene Ispettorato del lavoro!

Infermieri sottopagati e usati come tappabuchi
Infermieri sottopagati e usati come tappabuchi

Multe per oltre 200mila euro

Infermieri senza diritti, senza dignità lavorativa e usati come tappabuchi. E, dulcis in fundo, sottopagati. L’ispettorato del lavoro applica multe salate e obbliga all’assunzione di ulteriori 200 professionisti!

Infermieri trattati quasi come riders. E’ il fenomeno scoperto dall’ispettorato del lavoro di Bologna che ha chiesto l’assunzione diretta di 200 lavoratori a chiamata, gestiti da studi professionali in modo irregolare nei principali ospedali pubblici e privati della città, con piattaforme online simili a quelle dei fattorini del cibo a domicilio. Lo racconta l’edizione bolognese di Repubblica, spiegando che gli studi, in pratica, si sono sostituiti alle agenzie di lavoro associando come liberi professionisti gli infermieri, che poi sono gestiti con piattaforme online e gruppi Whatsapp che rispondono in diretta alle richieste delle strutture sanitarie.

Ma gli studi non hanno i requisiti per operare sul mercato in questo modo, non assumono e non pagano festivi, straordinari o ferie. L’ispettorato, oltre a chiedere l’assunzione diretta, ha contestato il versamento di due milioni di euro di contributi e fatto multe agli studi da 40mila euro ciascuno; gli studi hanno contestato le osservazioni. “Il problema non è lo stipendio, che è abbastanza alto – spiega al quotidiano il direttore dell’Ispettorato Alessandro Millo – ma il precariato estremo, con i professionisti che sono in balia di chi li chiama e si portano dietro irregolarità nei contributi”. La notizia, commenta la Fp Cgil, “non ci lascia per nulla sorpresi. Da mesi continuiamo a chiedere alle aziende assunzioni e dignità per lavoratori e lavoratrici. Invece di perseguire la strada della valorizzazione del personale, che passa anche dalla dignità contrattuale, si cerca sempre la via più comoda. Addirittura adesso quella delle App. Anche perché l’infermiere a ‘chiamata’ è più ricattabile, e non può dire mai di no”.

Si crea di fatto un importante precedente che si va a sommare ad altri episodi analoghi ma con conseguenze meno pesanti per le aziende sfruttatrici. La speranza è che si arrivi a misure che vadano a disincentivare questo genere di gestione dei professionisti sanitari coinvolti.

Fonte: Ansa – AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...