histats.com
martedì, Luglio 5, 2022
HomeInfermieriInfermieri precari Covid: partono le assunzioni a tempo indeterminato. Ok dal Governo...

Infermieri precari Covid: partono le assunzioni a tempo indeterminato. Ok dal Governo centrale.

Pubblicità

La prima regione a poter beneficiare delle stabilizzazioni degli Infermieri precari assunti con contratti Covid potrebbe essere la Sicilia. Forse porte chiuse ai Medici e agli Amministrativi. Ottenuto ok dal Governo Draghi.

Finalmente ci siamo. Gli Infermieri precari assunti con contratti Covid potrebbero essere tutti stabilizzati, almeno in Sicilia. Non ci sono notizie positive per Medici e Amministrativi, entrati nel sistema sanitario regionale sempre con contrattazioni legate alla Pandemia da Coronavirus in atto.

Nonostante ciò la Professione Infermieristica sicula resta sul chi va là. I sindacati, infatti, continuano con l’agitazione soprattutto il mancato arrivo nelle casse dei loro iscritti delle dovute indennità Covid. E’ quanto riferiscono il collega Giacinto Pipitone del Giornale di Sicilia.

Cosa dice la norma?

La norma è quella inserita dal ministro Speranza nel testo della legge di Stabilità che, dopo la prima votazione della fiducia al Senato, ha una veste finale. Prevede il via libera per gli infermieri (oltre 4 mila quelli assunti in Sicilia dal marzo 2020): adesso toccherà agli ospedali fare i contratti. Blocca del tutto tecnici e amministrativi: circa 3 mila in Sicilia. E pone dubbi sul personale medico: 1.945 quelli arruolati dalla Regione.

Salvi solo alcuni Medici, mentre sono fuori gli Amministrativi.

Ciò perché il testo è rimasto quello base previsto dal governo Draghi: limita la stabilizzazione ai medici con almeno 18 mesi di servizio nella lotta alla pandemia e non cita gli amministrativi.

Respinti nella notte del 23 dicembre a Palazzo Madama tutte le proposte che avrebbero introdotto la possibilità di stabilizzare almeno la metà degli amministrativi e, soprattutto, quelli che avrebbero abbassato a 12 mesi il limite di anzianità necessario per aver diritto alla trasformazione del contratto a tempo in posto fisso.

L’emendamento Faraone.

Dopo gli annunci della vigilia fatti da tutti i partiti a sostegno di queste proposte era stato il renziano Davide Faraone a presentare l’emendamento: «C’è il timore che la versione del governo nazionale non apra le porte a molti medici siciliani che non hanno i 18 mesi necessari. E anche sul fronte degli amministrativi non ci sono coperture. Il mio emendamento non a caso aveva ricevuto il parere favorevole del ministero della Sanità ma poi è stato bloccato dall’Economia». Non aveva quindi copertura.

Faraone annuncia che lo ripresenterà quando verrà votato il decreto sul super green pass. Ma intanto in Sicilia il Nursind protesta anche perché «non è stata ancora erogata l’indennità di specificità» e per questo motivo arriva a prevedere uno sciopero. E la Fials chiede di accelerare proroghe e stabilizzazioni.

La Regione Sicilia prepara i conti per l’eventuale stabilizzazione.

Alla Regione invece si stanno già facendo i conti. Salvi gli oltre 4 mila infermieri, l’assessore Ruggero Razza mette sul piatto il proprio piano: «Avevamo sempre segnalato che la norma nazionale non poteva risolvere il problema degli amministrativi, perché per legge devono entrare per concorso. Mentre per i medici l’ostacolo vero non è la durata del loro contratto ma il fatto che molti di quelli arruolati in emergenza non hanno la specializzazione. Noi contiamo di aggirare gli ostacoli con concorsi che prevedano ampie quote di riserva a queste categorie».

Continueremo a vigilare sulle stabilizzazioni e a tenervi informati su quello che accadrà nel prossimo futuro.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394