Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Una infermiera di 21 anni muore dopo aver contratto il virus. Era immunodepressa ed in attesa di un trapianto.

Si chiamava Katie Horne ed era un’infermiera di 21 anni. Da tempo era malata ed in lista d’attesa di un trapianto a fegato. Il Coronavirus, tuttavia non le ha permesso di coronare tale sogno, stroncandola in tenera età.

La storia di Katie è stata divulgata dalla famiglia per essere d’esempio agli altri inglesi, a quelli che sottovalutano il rischio del Coronavirus.

Polemiche sul decesso della giovane infermiera, ma che sia morta per o con il Coronavirus, va da sé pensare l’infezione è stata decisiva per la sua salute.

La ragazza lavorava al Burgess Hill, nel Sussex. Dopo essere stata ricoverata in ospedale per circa quattro settimane, non ce l’ha fatta. La ragazza presentava gravi problemi al fegato e aveva urgente bisogno di un trapianto.

La sua storia è stata spiegata alla BBC dalla sorella Emma: “la gente deve capire quanto sia grave”.
Katie stava male ed è stata sottoposta al tampone da Coronavirus, presentava gravi problemi epatici e le sue condizioni richiedevano un trapianto il più urgente possibile, anche per questo era stata trasferita dal Princess Royal Hospital di Haywards Heath al King’s College Hospital di Londra.
Arrivati i risultati del tampone a cui era stata sottoposta, Katie è risultata positiva al Covid-19: di conseguenza, la giovane infermiera è stata esclusa dalla lista dei trapianti. Dopo 12 giorni, Katie si è spenta.

“Se qualcuno avesse avuto bisogno di qualcosa, avrebbe potuto sempre contare su Kate che era lì. Era così piena di vita e felice. Non ci possiamo credere. Siamo assolutamente distrutti” – ha commentato Emma – bisogna organizzare un funerale che può contare massimo su dieci persone”.