Infermieri donano ferie solidali a collega per assistere figlio malato

Infermieri donano ferie solidali a collega per assistere figlio malato.
Infermieri donano ferie solidali a collega per assistere figlio malato.

Una storia di solidarietà pura

Infermiera riceve 30 giorni di ferie solidali dai colleghi per assistere il giglio ammalato. E’ una storia strappalacrime, ma anche la dimostrazione che tra gli Infermieri esiste il senso di appartenenza al gruppo. E’ accaduta a Torino presso la Città della salute.

Il nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro viene preso alla lettera e i colleghi di reparto riescono a “donare” alla professionista le loro disponibilità feriali. Si tratta delle cosiddette “ferie solidali”, contemplate nell’articolo 34 del CCNL Comparto Sanità. Prima ancora erano state introdotte nelle leggi sul Jobs Act.

Si tratta du 30 giorni, di più non si poteva, ma basteranno alla donna per assistere il figlio con problemi di salute. Da Torino la notizia ha fatto il giro dello Stivale italico approdando su tutti i giornali sanitari e non sanitari. Non è il primo caso, “ferie solidali” si registrano anche in Sardegna, in Emilia Romagna e in Puglia.

Cosa sono le ferie solidali?

Rappresentano una novità assoluta. In pratica chi ne ha tante può donarle a chi ne ha meno (ovviamente senza richiedere nulla in cambio). Certamente è uno dei punti a favore di un Contratto largamente contestato. Chi le dona e chi le riceve deve essere dipendente della stessa azienda.

Per saperne di più sulle ferie solidali: LINK.

Potrebbe interessarti...