histats.com
venerdì, Dicembre 3, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriInfermiere di famiglia e di comunità: in Toscana sono una seria realtà.

Infermiere di famiglia e di comunità: in Toscana sono una seria realtà.

Infermiere di famiglia e di comunità: un alleato in più per la salute e le cure territoriali.

342 professionisti al lavoro in tutta la Asl Toscana Sud Est. Aziende donano 120 smatphone per potenziare il servizio nella provincia di Arezzo.

Dal 1 settembre 2021 ogni cittadino che abita nel territorio della Asl Toscana Sud Est ha un Infermiere di Famiglia e Comunità assegnato; un professionista della salute che riconosce e cerca di mobilitare risorse all’interno delle comunità, aumenta e migliora il controllo sulla salute dei cittadiini. Nell’intero territorio della Asl sono 334 gli Infermieri per questo settore (117 Arezzo, 114 Siena e 103 Grosseto).

“Abbianmo attivato questo nuovo modello organizzativo già nel 2020, dichiara il Direttore Generale della Asl Antonio D’Urso; la sperimentazione, nonostante la pandemia, è stata fruttuosa e i risultati ci hanno spinto verso un’accelerazione dell’estensione dell’esperienza a tutto il territorio dell’azienda. La nostra azienda è capofila in Toscana ed una delle prime in Italia ad aver fatto partuire questo progetto dell’Infermiere di Famiglia.
Inoltre il Decreto Rilancio – PNRR nella Missione 6: Obiettivo Salute, raccomanda un forte sviluppo delle Cure Territoriali, con Strutture dedicate (Case della Comunità, Ospedali di Comunità, Centrali Operative Territoriali,…) ma anche con reti di prossimità e rafforzamento della regia territoriale di condizioni di cronicità e fragilità, dando mandato per l’Infermiere di famiglia e Comunità come uno dei punti cardine del rinnovamento dell’assistenza sul territorio. Il nostro obiettivo è quello di potenziare la rete sociosanitaria con un’azione che si sviluppa direttamente dentro le comunità e con le comunità.
Tutti questi infermieri, prosegue il Dg Antonio D’Urso, svolgono funzioni fortemente integrate con tutti i professionisti e gli altri portatori di interessi che operano per la salute dei cittadini, in primis con i medici di famiglia, i medici di comunità, le assistenti sociali, i fisioterapisti, i medici di continuità assistenziale, ma anche le farmacie, le istituzioni religiose, le associazioni di volontariato, il vicinato; tutte quelle risorse, formali ed informali che possono costruire una rete di supporto, sostegno e protezione sul bisogno di salute di una persona che abita nel territorio a lui affidato.
Oggi con questa importante e significativa donazione, conclude D’Urso, per la quale ringrazio le aziende aretine che si sono dimostrate particolarmente sensibili (Calcit-Euronics-Chimet spa- Unoaerre-Novart-Zone Creative-Galvanica Formelli-Pm Allarmi), i nostri professionisti della provincia di Arezzo avranno in dotazione ognuno uno smartphone con un numero dedicato ed etreranno in rete con il sistema e con la comunità. Contiamo a breve di fare lo stesso anche nelle altre provincie.”

“Gli Infermieri di famiglia e di comunità sono stati assegnati ad un territorio specifico e delimitato, dichiara Vianella Agostinelli Direttore Infermieristico dipartimento professioni infermieristiche ed ostetricie, tenendo in considerazione le caratteristiche orografiche, demografiche, epidemiologiche, ma anche la densità abitativa e le caratteristiche sociali del territorio e della comunità che lo abita.
Abbiamo rivolto la massima attenzione alla suddivisione geografica così che questa fosse compatibile con la presenza delle AFT (sedi delle Associazioni dei Medici di Medicina Generale) che operano in uno specifico ambito territoriale. Questo proprio per facilitare la partnership preziosa con i Medici di Famiglia.
Il rapporto medio di ogni infermiere è di 1 ogni 3000 abitanti. Questo garantisce una prossimità adeguata e funzionale alla comunità di riferimento.
Il progetto della Asl Toscana Sud Est vede gli infermieri di famiglia e comunità come una modalità di lavoro e di assistenza, orientate alla singola persona, alla sua famiglia e alla comunità in cui sono inseriti.”

“La società cambia e con essa i bisogni assistenziali, afferma Giovanni Grasso Presidente OPI (ordine delle professioni infermieristiche di Arezzo e coordinatore OPI Toscana).

I sistemi sociosanitari e i professionisti stanno sviluppando diversi modelli organizzativi e gestionali per rispondere ai nuovi futuri scenari con appropriatezza clinico-organizzativa e competenza.

L’Infermiere di Famiglia è una figura professionale formata per dirigere e incoraggiare la famiglia, identificando i sui bisogni di salute e indicando la strada migliore nell’utilizzo dei servizi sanitari. Gli obiettivi principali che l’infermiere di Famiglia persegue sono quello di promuovere e proteggere la salute dell’individuo e della popolazione per tutto l’arco della vita insieme a quello di ridurre l’incidenza delle malattie e degli incidenti più comuni, alleviando le sofferenze che questi causano.

Quello dell’infermiere di famiglia e comunita è quindi un ruolo fondamentale per garantire la continuità assistenziale. Grazie alla Donazione di oggi, primo evento in Italia e sono convinto che ce ne saranno molti altri, si sancisce il patto tra Infermiere e Cittadino, una fiducia che viene riposta nella nuova figura dell’Infermiere di famiglia e comunità come soluzione alle risposte di bisogno del cittadino.”

Chi è l’Infermiere di famiglia e comunità
E’ il professionista responsabile dei processi assistenziali della popolazione a lui assegnata per competenza territoriale, che cerca di aumentare il controllo delle persone sulla loro salute. Valuta i bisogni assistenziali e promuove interventi di prevenzione primaria, secondaria e terziaria, utilizzando oltre alle competenze assistenziali tradizionali, la relazione d’aiuto e l’educazione terapeutica come strumenti di lavoro.
Orienta verso il più appropriato utilizzo dei servizi, migliora l’aderenza terapeutica, attiva consulenze infermieristiche specialistiche e si occupa di formare il caregiver e le persone di riferimento. Collabora all’elaborazione delle migliori strategie assistenziali di continuità tra i diversi setting assistenziali, ospedalieri, territoriali, di cure intermedie o di cure pallative.

Chi NON è l’infermiere di famiglia e comunità.

Non è l’infermiere di studio del MMG, e non è l’infermiere che garantisce solo prestazioni tecniche. Collabora con tutti gli interlocutori che insistono sul territorio a lui affidato, con attività effettuate su prescrizione medica o su autonoma attivazione per l’ambito di attività e responsabilità infermieristica.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394