histats.com
venerdì, Febbraio 23, 2024
HomePrimo PianoCronacaGramellini: l'Infermiera Sara portata a morire come un cavallo da tiro. Un...

Gramellini: l’Infermiera Sara portata a morire come un cavallo da tiro. Un decesso evitabile.

Pubblicità

Il giornalista Massimo Gramellini interviene sulla morte dell’Infermiera Sara Sorge: portata alla dipartita terrena come un cavallo da tiro. Un decesso evitabile.

Il giornalista ed opinionista del Corriere della Sera, Massimo Gramellini, è intervenuto nella sua rubrica sul quotidiano milanese e su Rai 3 parlando della morte evitabile di Sara Sorge, l’Infermiera deceduta dopo lo smonto dalla seconda notte di fila presso il Servizio 118 in Puglia. “Morire di lavoro” è il titolo dato al suo intervento. Le sue parole tuonano contro un sistema che continua a trattare gli Infermieri come numeri e non già come persone.

Il servizio di Massimo Gramellini sul Corriere della Sera.

Sono stanca morta, scriveva al fidanzato l’infermiera appena smontata dal secondo turno di notte consecutivo (dieci ore e dieci pazienti da accudire) prima di appisolarsi al volante e interrompere la sua giovane vita all’alba contro un palo della luce. Non è morta sul lavoro, è morta di lavoro. E noi, quasi obbedissimo a un riflesso condizionato, siamo alla ricerca di un capro espiatorio che plachi i morsi dell’ansia provocati da questa storia così ordinariamente assurda. Un primario bullo a cui intestare quella turnazione feroce — mattina, pomeriggio, pomeriggio, notte, notte — che era la settimana tipo di Sara Sorge.

Un paziente aggressivo a cui imputare i suoi nervi stremati. Un pirata della strada responsabile dell’incidente. Niente. Non ci sarà nessuna inchiesta perché non c’è nessun colpevole. O meglio, uno c’è, enorme e inafferrabile, ed è persino stucchevole continuare a chiamarlo «il sistema».

La storia di Sara è purtroppo identica a quella dei suoi colleghi e di migliaia di altri giovani e adulti che la pandemia ha catapultato in prima linea, nel suo caso direttamente dall’università, costretti a turni massacranti dalla mancanza di personale, di fondi adeguati e di una strategia alternativa all’ammassamento dei pazienti negli ospedali e degli anziani nelle case di riposo.

Ma più in generale si direbbe che il lavoro, ogni genere di lavoro, abbia ormai smarrito la logica della via di mezzo. O non lavori per nulla oppure sgobbi, e talvolta muori, come un cavallo da tiro.

Leggi anche:

Nursing Up: “Un minuto di silenzio per Sara Sorge”.

Sara, Infermiera morta a 27 anni per incidente stradale. Stremata dopo 2 turni di notte.

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394