Pubblicità

Gruppo Primavera Toscana ci scrive una lettera e denuncia: “Ordine Infermieri Firenze dimentica ancora una volta Pistoia, elezioni soltanto a Firenze”.

Riceviamo e pubblichiamo una lettera a firma Gruppo Primavera Toscana sulla questione di Pistoia.

Gentili redazioni,

Vi preghiamo ancora una volta di pubblicare integralmente questa missiva di denuncia.

Siamo un gruppo di infermieri pistoiesi, appartenenti quindi all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Firenze-Pistoia. Peccato che Pistoia sia inserita nel nome ma non nei fatti.

Nelle ultime ore è uscita l’informativa sul sito opifipt.it riguardo le prossime elezioni di rinnovo degli eletti… e ancora una volta Pistoia non sembra contemplata ma solo inglobata senza onori ma solo oneri.

E’ stata scelta infatti un’unica sede di voto, Firenze, ignorando che 1800 iscritti pistoiesi (su 8-9000 totali) che non hanno quindi una sede di voto vicina.

Ignorando che l’Ordine nasce dall’unione di due collegi indipendenti fra loro.

Ignorando la dignità rappresentativa di un territorio con decine tra ospedali, presidi e strutture private, alcune di alto livello.

Non è la prima volta che siamo messi da parte nonostante consiglieri e revisori dei conti eletti dai Pistoiesi, di cui anche il vicepresidente e la tesoriera dell’ente.

Dove erano quando veniva deciso questo? Hanno o non hanno avvallato la cosa?

Inoltre ricordiamoci che siamo in tempo di Covid19 e che costringi 8-9000 persone a recarsi in un unico ambiente chiuso nel giro di 72 h (ma la notte non si vota eh). Avevamo la possibilità di aprire sedi elettorali in due sedi dell’Ordine (quindi anche quella pistoiese), presso ospedali e aziende sanitarie.

Invece ancora una volta Firenze si è arrogantemente preso tutto.

Non abbiamo voluto creare una lista elettorale ma verremo sicuramente a Firenze per far capire che non siamo noi pistoiesi che vogliamo i seggi vicini, ma è la nostra dignità che pretende di essere rispettata.

Ovviamente voteremo contro questo direttivo uscente. Anche dopo tutte le questioni vergognose di questi tre anni.

Gruppo Primavera Toscana