Pubblicità

Come somministrazione farmaci o idratare il Paziente per via sottocutanea negli adulti. Procedura per Medici e Infermieri.

La Somministrazione di farmaci e/o l’idratazione per via sottocutanea è una tecnica molto utilizzata soprattutto nelle medicine, nelle oncologie, nelle lungopegenze e nelle neurologie. Oggi presentiamo un breve studio del Servizio Cure Palliative dell’Istituto Oncologico della Svizzera Italiana. La procedura è ad esclusivo appannaggio di Medici e Infermieri.

Per quali pazienti è indicata.

In cure palliative la via sottocutanea (s.c.) è la via di prima scelta poiché sicura, affidabile, facilmente accessibile e gestibile in qualsiasi ambito.

Essa è utilizzabile:

  1. per la somministrazione di farmaci (→indispensabile un’accurata selezione dei farmaci!);
  2. per l’idratazione →Misch (ev. NaCl) limitata a 1 lt/24h.

I vantaggi di una somministrazione di farmaci e/o di una idratazione sottocutanea:

  • maggior comfort per il paziente poiché si evitano punture ripetute. – sorveglianza e manipolazioni molto semplici;
  • facilità nell’uso pratico di questa tecnica;
  • nessun rischio di flebite;
  • disponibilità di diversi posti d’iniezione – tecnica economica.

Attenti alle Controindicazioni.

La somministrazione sottocutanea è sconsigliata in caso di:

  • edemi generalizzati;
  • controindicazione relativa: anticoagulazione, soprattutto per quel che concerne l’idratazione.

Materiale occorrente:

  • butterfly Nr. 23 (o 25 se disponibile), anche se è preferibile un ago-cannula di uguale misura;
  • disinfettante per la cute e batuffoli;
  • medicazione trasparente (es. Tegaderm) per coprire il butterfly (o l’agocannula) una volta posizionato;
  • siringa contenente il farmaco;
  • infusione di Misch (ev. NaCl) con deflussore.

I punti di repere per il posizionamento di una via sottocutanea:

  • sottoclavicolare evitando il tessuto mammario;
  • addominale all’infuori di una circonferenza di circa 4 dita attorno all’ombelico;
  • dei deltoidi;
  • regione esterna delle cosce.

Evitare le zone edematose e le zone attorno ad una stomia a causa del diminuito assorbimento del medicamento.

La tecnica di posizionamento del Butterfly o dell’agocannula sottocutanea:

  • Riempire il tubicino del Butterfly nr. 23 (o 25 se disponibile) con il farmaco prescritto o con il liquido dell’infusione, senza rubinetto (con l’agocannula non occorre farlo e l’accesso è più immediato);
  • Disinfettare la cute, sollevare il tessuto sottocutaneo ed inserire l’ago del Butterfly con un’angolatura di circa 15 gradi;
  • Ricoprire il Butterfly ed il tubicino con una medicazione trasparente (Tegaderm o Op-site).

a) Iniettare lentamente la quantità di farmaco prescritto ( 0,5 ml = 1⁄2 minuto, 1 ml = 1 minuto, ecc.); usando un unico farmaco non si deve risciacquare poiché il sistema rimane riempito con quell’unica sostanza

b) Ci sono due modalità di somministrare l’idratazione sotto-cutanea:

  • infusione sulle 24 ore alla velocità massima di 1-2 ml/min;
  • infusione per un tempo limitato (p.e. 1000ml/8 ore) e lasciare il resto del tempo (16 ore) per il riassorbimento.

Problemi a causa dei quali è necessario cambiare il posto d’iniezione:

  • Arrossamento della cute attorno all’ago;
  • Indurimento del tessuto;
  • Dolori importanti nel punto d’iniezione;
  • Sanguinamento o coagulazione nel punto d’iniezione;
  • Fuoriuscita del farmaco dal punto d’iniezione.

Controllare giornalmente la capacità di riassorbimento del tessuto sottocutaneo!

Tempi di permanenza,

Se non ci sono i problemi sopraccitati il Butterfly può rimanere in sede dai 3 ai 10 giorni. Cambio medicazione ogni 72 ore.

Somministrazione di più farmaci s/c (vedi tabella miscibilità farmaci) Ci sono due possibilità:

pompa → rispettando la compatibilità, abbinamento dei farmaci in una pompa-siringa (per es. in ospedale pompa Braun / al domicilio pompa Baxter) con l’aggiunta di NaCl per poter somministrare facilmente la quantità di liquido così ottenuta nelle 24h.

Es: Morfina 30mg/24h + Haldol 2,5mg/24h + Buscopan 80mg/24h
3ml + 0,5ml + 4ml = 7,5ml + NaCl 40,5ml
= 48ml/24h
= 2ml/h
 risciacquo → somministrazione in bolus di due diversi farmaci sciacquando dopo ogni
somministrazione con 1ml NaCl, cosicché nel sistema rimane NaCl.

Indicazioni per l’utilizzo di due Butterfly o di due agocannula in contemporanea per via sottocutanea.

Si rende necessario la posa di due Butterfly (o di agocannula) in contemporanea se il paziente necessita sia la somministrazione di farmaci che l’idratazione poiché con un apporto superiore a 3(-5)ml/ora s.c. non c’è la garanzia che ci sia un assorbimento rapido dei farmaci.

Bibliografia:

  1. L’art de soigner en soins palliatifs, C. Foucault, Les Presses de l’Université de Montréal, 1996 – C.H.U. de Grenoble, Unité de Recherche et de soutien en Soins Palliatifs, 1997;
  2. Palliativmedizin, H. Neuenschwander et al., Lega svizzera contro il cancro, 2006.

Leggi anche:

Soluzione Fisiologica: un farmaco per niente scontato.