Metodo “PICOMT”: come formulare un quesito di ricerca per medici, infermieri e professionisti sanitari.

ricerca scientifica, ricerca

Come eseguire ricerche scientifiche in Evidence-Based Clinical Practice.

Il metodo “PICOMT” racchiude in sé tutti i criteri fondamentali per eseguire una corretta ricerca. Per effettuare una ricerca efficace il professionista sanitario deve aver chiaro il quesito da porre ai “database”. Inoltre il quesito deve essere tradotto in un linguaggio recepibile dai “data”.

Per chiunque si appresti ad eseguire una ricerca bibliografica è importante avere ben chiaro l’obiettivo della ricerca: dove si vuole arrivare. La ricerca può essere effettuata da qualsiasi specialista dell’ambito sanitario con un’adeguata preparazione in ambito Evidence-Based.

Conoscere le banche dati è fondamentale, ma è altrettanto importante formulare un quesito di ricerca corretto e intelligibile dai “database”. In quest’ottica il metodo “PICOMT”, il cui acronimo verrà spiegato di seguito, è utile per formulare un quesito completo che non manchi di alcune caratteristiche fondamentali.

PICOMT è un acronimo inglese che sta per:

  • Population, patient, problem: popolazione in studio: malattia, stadio, eventuali comorbidità, fattori di rischio, età, genere, etnia, elenco dei principali criteri di inclusione e di esclusione, setting di arruolamento;
  • Interventetion:  intervento sanitario di natura preventiva, diagnostica, terapeutica, assistenziale, riabilitativa, palliativa; oppure un’esposizione a fatto con dose e frequenza e durata di somministrazione stabiliti, o eventuali fattori prognostici noti. Causa, fattore prognostico, trattamento;
  • Comparison, control: confronto, inteso come intervento attivo, oppure intervento di controllo con placebo o assistenza standard;
  • Outcome: risultato preventivo/diagnostico/terapeutico o esito clinico, economico, umano atteso e quindi migliorabile;
  • Method: metodologia o tipologia di studio (Sistematic Review, Guide Line, RCT, Studi di coorte, Studi caso controllo, report di casi, etc);
  • Time: momento in cui è stata effettuata la ricerca;

La chiave di una buona ricerca sta nella riproducibilità. Quando mettiamo “T”, lo facciamo con un’intenzione precisa, rendere il più riproducibile possibile la nostra ricerca.

Una precisazione: non sempre sarà presente “C” in quanto non tutti i quesiti clinici necessitano di una comparazione, si pensi ai quesiti di background.

Anche la metodologia “M” ricopre un ruolo importante; infatti escludere alcune tipologie di studi farà restringere la ricerca e ci permetterà di raggiungere fonti più autorevoli. Ma questo non è sempre possibile per alcune aree di ricerca in via di sviluppo non sono presenti studi di alto livello.

 

Potrebbe interessarti...