histats.com
lunedì, Novembre 29, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriEvidence Based NursingInfermieri italiani e lotta al Covid-19. Le storie narrate sui social da...

Infermieri italiani e lotta al Covid-19. Le storie narrate sui social da AssoCareNews.it in uno studio qualitativo.

Gli Infermieri italiani sono stati i primi a battersi nel mondo contro il Covid-19. Le storie narrate da AssoCareNews.it e da altre testate ora finiscono in uno studio qualitativo condotto da Fontanini, Visintini, Rossettini, Caruzzo, Longhini e Palese.

Si chiama “Italian Nurses’ experiences during the COVID‐19 pandemic: a qualitative analysis of internet posts” (Esperienze degli infermieri italiani durante la pandemia COVID ‐ 19: un’analisi qualitativa dei post su Internet) lo studio condotto da alcuni ricercatori italiani durante la Pandemia da Coronavirus.

Gli autori della ricerca sono:

L’obiettivo dello studio.

L’obiettivo dello studio era ed è quello di indagare sull’esperienza degli infermieri italiani durante la prima ondata dell’epidemia di COVID‐19, analizzando i post professionali sui social media.

Lo scenario.

L’epidemia di COVID-19 ha travolto le istituzioni sanitarie; di conseguenza, la vita e la salute psicofisica degli infermieri sono state colpite.

introduzione.

La pandemia COVID-19 ha costretto gli infermieri a lavorare in condizioni di stress fisico e psicologico che hanno avuto un impatto sulla loro vita.

Metodi utilizzati.

Uno studio descrittivo qualitativo. Tutte le narrazioni (testi e video) postate dagli infermieri dal 23 febbraio 2020 al 3 maggio (dall’inizio dell’epidemia alla fine del primo blocco) sono state analizzate e pubblicate sulle cinque più popolari piattaforme di social media professionali italiane . Sono stati seguiti i criteri consolidati per la rendicontazione delle linee guida della ricerca qualitativa.

Risultati ottenuti.

Cinque temi emersi dalle 380 narrazioni esplorate: “Condividere ciò che sta accadendo dentro di me”; “Sperimentare condizioni di lavoro senza precedenti”; “Sperimentare un cambiamento profondo”; “Non riuscire a riabilitare l’immagine degli infermieri nella società”; e “Non abbandonarci”. Sebbene gli infermieri apprezzassero il riconoscimento delle loro comunità, si sentivano comunque svalutati e non riconosciuti come professionisti.

Discussione.

Diverse implicazioni psicologiche, fisiche, sociali e professionali sono emerse dagli infermieri che lavoravano durante la pandemia COVID-19. Nonostante fossero molto apprezzati, gli infermieri percepivano di aver fallito nel riabilitare l’immagine degli infermieri nella società.

Conclusione.

L’esperienza di lavoro durante la pandemia COVID-19 ha rappresentato un evento traumatico per gli infermieri ma ha offerto loro opportunità di crescita personale e professionale.

Implicazioni per la pratica infermieristica, la politica infermieristica e la politica sanitaria.

Si raccomanda vivamente di sostenere la salute mentale degli infermieri, insieme a un investimento culturale sul riconoscimento del ruolo degli infermieri e una politica di tolleranza zero nei confronti della violenza e dell’aggressività nei confronti degli infermieri.

Le piattaforme social.

Le piattaforme di social media sono definite come software che consente a individui e comunità di raccogliere, comunicare, condividere e in alcuni casi collaborare o giocare (Boyd 2009).

Nel contesto del nostro studio, abbiamo considerato piattaforme di social media professionali (Boyd & Ellison 2007) in cui gli infermieri sono liberi di condividere varie forme di contenuto in un formato “fluido” allo scopo di consentire al pubblico di condividere le proprie esperienze.

In particolare, lo studio ha selezionato siti Web di infermieristica professionale e pagine Facebook molto popolari tra gli infermieri in base ai rapporti sul numero di utenti / follower (Ukoha & Stranieri 2019).

Tutte le narrazioni sotto forma di testi e video postate da infermieri dal 23 febbraio 2020 al 3 maggio (il giorno prima della fine del primo blocco; cfr Di Stefano 2020) e che descrivono la loro esperienza personale durante il COVID ‐ 19 emergenza sanitaria in italiano erano ammissibili.

Lo studio comprendeva post:

  1. scritti in italiano e inglese;
  2. da infermieri che lavorano in Italia;
  3. pubblicato durante la prima ondata dell’epidemia di COVID ‐ 19;
  4. sulle pagine Facebook e sui siti web delle testate infermieristiche italiane (AssoCareNews.it, Nurse24, InfermieristicaMente e NurseTimes) e della Federazione Nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche (FNOPI).

Pertanto, sono stati esclusi i post scritti o audio di infermieri che lavorano all’estero e di studenti di infermieristica e altri professionisti sanitari.

Per saperne di più: LINK (in inglese).

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394