Dignità Infermieristica: studenti, infermieri e dirigenti assieme per la professione.

Dignità Infermieristica: studenti, infermieri e dirigenti assieme per la professione a Torino.
Dignità Infermieristica: studenti, infermieri e dirigenti assieme per la professione a Torino.

Opi Torino presenta progetto tridimensionale che spazia tra formazione, azione e ricerca.

Favorire l’integrazione tra varie componenti istituzionali e professionali per valorizzare l’identità dell’infermieristica e – di conseguenza – rafforzarne la dignità: questo l’obiettivo della riunione “strategica” che si è svolta ieri presso la sede di Opi Torino. Un incontro “storico” che ha messo di fronte tutti i presidenti degli Ordini delle professioni infermieristiche, i direttori e dirigenti delle professioni sanitarie degli ospedali (pubblici e privati) e i responsabili dei Corsi di laurea in Infermieristica dell’Università di Torino, del Piemonte Orientale, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Torino.

Una sessantina di professionisti per ragionare sull’avvio di un progetto tridimensionale che spazia tra formazione, azione e ricerca. Due i fattori: da un lato l’aggregazione tra professioni e, dall’altro, l’integrazione della formazione. Un binomio destinato a vedere, come obiettivo, una elevata rilevanza professionale. Ciò grazie agli attori coinvolti nell’operazione: il coordinamento degli Opi, i corsi di laurea dell’Università, il sistema aziendale delle strutture sanitarie del Piemonte.

L’iniziativa punta al sostegno del ragionamento clinico dell’infermiere e all’uso delle linee guida. Tutto ciò da associare a un processo di trasferimento nella pratica e di monitoraggio/ricerca sulla base di alcuni indicatori.

Le sedi del progetto saranno i servizi ospedalieri o territoriali che accolgono anche studenti per il loro apprendimento clinico. Ciò per favorire il lavoro comune tra tutor, infermieri e coordinatori infermieristici. Il gruppo di progetto sarà costituito – oltre che dalla cabina di regia composta da Giuseppe Marmo, Giuliana Centini e Dario Gavetti – da un rappresentante per ogni Università, tre direttori delle professioni sanitarie e un rappresentante del Coordinamento regionale Opi.

«Credo che questa operazione culturale di sistema – spiega Giuseppe Marmo, docente di Infermieristica – sia un esempio virtuoso di che cosa vuol dire fare politica professionale. E auspico che ciò incoraggi altre iniziative».

Essenziale il contributo del Coordinamento di Opi Piemonte in termini di sostegno al progetto: «Un lavoro di sinergia – precisa Massimiliano Sciretti, presidente di Opi Torino e del coordinamento regionale – che si concretizza sotto tre profili importanti: organizzazione, formazione aziendale e formazione universitaria».

Potrebbe interessarti...