Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Ecco l’Istruzione operativa per la gestione dei Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I) in Puglia ai tempi del COVID-19.

L’emergenza Coronavirus in Puglia è ad altissimi livelli. Michele Emiliano, governatore regionale, ha chiesto di istituire la zona rossa per alcuni comuni garganici, i sindaci protestano e la confusione regna sovrana anche tra i professionisti e i tecnici della salute. I timori riguardano soprattutto l’utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) da parte di Medici, Infermieri e altri lavoratori del Comparto Sanità (nel pubblico e nel privato). 
Per far fronte alla crescente richiesta di informazioni in merito e ridurre lo stato di ansia tra gli operatori l’Agenzia Regionale per la Salute ed il Sociale (ARES Puglia) e il Sistema Regionale di Gestione Integrata della Sicurezza sul Lavoro (SiRGISL) hanno emanato qualche ora fa la prima “Istruzione operativa per la gestione dei Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I) – Emergenza COVID-19“.

Il documento chiarisce che “al momento non si rende necessaria la dotazione dei D.P.I. specifici per l’emergenza di cui all’oggetto a tutto il personale amministrativo, tecnico (salvo che non sia coinvolto in interventi all’interno delle UU.OO. a livello di rischio elevato), ed in tutte le altre UU.OO./Servizi non contemplati in questa istruzione operativa e all’interno dei rispettivi D.V.R. Aziendali“.

Per tutto il resto degli operatori si. Ma vediamo cosa dice l’I.O. nello specifico.

Istruzione operativa per la gestione dei Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I) – Emergenza COVID-19.

Esaminata l’attuale dotazione dei Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) all’interno della Regione Puglia;

Sentiti i R.S.P.P., i RSGSL e i coordinatori Medici Competenti Pugliesi, come da verbale di incontro del 05/03/2020;

Considerate le recenti Linee Guida della O.M.S. del 27/02/2020 e D.L. n.09/2020;

Fermo restando quanto stabilito nei rispettivi Documenti di Valutazione del Rischio (D.V.R.) coordinati da SiRGISL come da nota prot.n. A00_5/0000150 del 04/03/2020;

Al fine di rendere semplice ed esecutiva la gestione dei D.P.I. nelle varie Aziende Sanitarie/Policlinici/IRCCS della Regione Puglia e ribadendo quanto già comunicato circa l’obbligo di minimizzare il numero di operatori sanitari esposti, si riporta qui di seguito l’elenco delle UU.OO./Servizi a cui prioritariamente e tempestivamente andranno consegnati i D.P.I.

L’elenco di cui sotto non sostituisce eventuali ulteriori disposizioni in materia di D.P.I. dei singoli Responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione delle Aziende Sanitarie, ma costituisce una indicazione semplificativa di minima:

  • UU.OO. Territoriali/Distrettuali: Dipartimento di Prevenzione (personale addetto all’effettuazione dei tamponi), S.C.A.P. e Continuità Assistenziale;
  • UU.OO. Ospedaliere: Pronto Soccorso, Malattie Infettive, Anestesia e Rianimazione, Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale, Sorveglianza Sanitaria.
  • Specifici percorsi diagnostico terapeutici in tema di COVID-19: tutto il personale esposto nelle attività di pre-triage, triage, Pronto Soccorso, Diagnostica (Radiologie, Laboratorio Analisi), UU.OO. in cui viene ricoverato il paziente.Ogni presidio ospedaliero dovrà essere dotato di una giacenza minima di kit al fine di gestire in sicurezza eventuali situazioni particolari impreviste verificandone la disponibilità h24 a cura del Datore di Lavoro o Datore di Lavoro Delegato (Direttore Medico di Presidio) in collaborazione con il Dirigente U.O. Pronto Soccorso.Allo stato attuale per D.P.I. si intendono:

• maschere facciali filtranti (FFP2), maschere facciali filtranti (FFP3), semimaschere con filtri ABEK P3, camici, occhiali/visiere protettive, guanti, tute, calzari.

Al momento non si rende necessaria la dotazione dei D.P.I. specifici per l’emergenza di cui all’oggetto a tutto il personale amministrativo, tecnico (salvo che non sia coinvolto in interventi all’interno delle UU.OO. a livello di rischio elevato), ed in tutte le altre UU.OO./Servizi non contemplati in questa istruzione operativa e all’interno dei rispettivi D.V.R. Aziendali.

Al momento la fornitura giornaliera di D.P.I. deve essere garantita solo alle strutture di Pronto Soccorso, 118, Malattie infettive, Dipartimenti di Prevenzione per attività di sorveglianza sanitaria specifica. Per le altre Strutture dopo un primo approvvigionamento minimo per fronteggiare l’emergenza, la fornitura deve essere garantita a consumo effettivo e verificato.

Per finire, le Farmacie Ospedaliere si coordineranno con gli R.S.P.P. di ciascuna a azienda e con il coordinatore SiRGISL per evitare ammanchi di D.P.I.