Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Ecco la storia di Lucetta Amelotti, l’Infermiera deceduta di Covid-19 assieme al marito. Una delle vicende più tristi di questa battaglia impari contro il virus cinese.

Lucetta Amelotti aveva 64 anni ed era di Garlasco (PV), città nota per il delitto di Chiara Poggi. Lavorava in un centro analisi e in case di riposo. Era iscritta all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Pavia, che ne ha dato notizia dicendosi vicino alla famiglia e a quanti l’hanno conosciuta. E’ deceduta assieme al marito di 66 anni, Carlo Morandotti. Entrambi erano affetti dal Covid-19.

Sono morti assieme, lo stesso giorno (19 marzo 2020) al Policlinico San Matteo di Pavia. E’ deceduto prima lui, poi lei a distanza di qualche ora. La loro è una storia di strazio, legati nella vita dal matrimonio e separati solo per un breve periodo dal Coronavirus, per poi riabbracciarsi post-mortem durante il loro ultimo viatico terreno. “Chissà se ora le loro anime stanno ancora assieme” – si è chiesto una collega di Lucetta che lavorava da tempo come Libera Professionista in un centro prelievi e in una casa di riposo, l’Istituto “Sassi” di Gropello Cairoli (PV).

Probabilmente si è infettata stando a perenne contatto con gli Assistiti. Con loro si sono infettati anche la filia Clelia (28 anni), ricoverata al San Matteo, e il figlio

Quasi sicuramente è stato il suo lavoro a portare il contagio a casa sua dove si sono ammalati non soltanto lei e suo marito ma anche la figlia (28 anni), ricoverata, mentre il figlio 38enne, attualmente in Toscana.

“Non posso che parlare bene di lei – ha riferito una sua ex-collega in pensione, Luisa Santafede – era una lavoratrice infaticabile, non si risparmiava mai per nessuno, era sempre pronta a cambiare i turni, a lavorare il fine settimana, a dare le sue disponibilità. Aveva degli stupendi occhi azzurri, che mi rimarranno per sempre un mente. Il suo sorriso e la sua grinta riuscivano a trasmettere gioia e tranquillità agli Assistiti”.

Addio Lucetta, che tu possa ora riposare finalmente in pace dopo una vita di lavoro.