Pubblicità

Polemiche a Bologna per la lettera e il messaggio video del movimento “Infermieri in Ordine”: Bonaccini faccia i tamponi agli Infermieri e agli altri operatori; Conte si tenga i suoi 100 euro; Borrelli utilizzi le mascherine swiffer per raccogliere la sua polvere; l’OPI difenda la categoria.

Con un video-messaggio e una lettera indirizzata a Stefano Bonaccini (Governatore dell’Emilia Romagna), al premier Giuseppe Conte e al responsabile nazionale della Protezione Civile Angelo Borrelli il Movimento “Infermieri in Ordine” di Bologna scende in campo per difendere la categoria. Lo fa dando la parola direttamente agli Infermieri che lavorano sul campo, che per l’occasione sono rappresentati da Giulia De Francesco, Infermiera e portavoce del gruppo.

De Francesco chiede anche all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Bologna di attivarsi e che alle parole corrispondano fatti e denunce concrete per le inadempienze delle aziende, ree di aver mandato allo sbaraglio contro il COVID-19 tutti gli operatori sanitari.

La Lettera di Infermieri in Ordine.

Parla la portavoce del Movimento “Infermieri all’ordine”, Giulia De Francesco.

Buona sera a tutti,

mi presento sono Giulia, ho 25 anni, sono un’infermiera e sono portavoce del Movimento Infermieri in Ordine di Bologna e Imola.

Rappresento un gruppo di infermieri che si è riunito a Bologna e Imola per creare tutti assieme un cambiamento nella professione.

Sono qui stasera per parlarvi di qualcosa che ci sta profondamente a cuore: la nostra professione.

Dico nostra perche mi rivolgo a tutti gli Infermieri, che con dignità e professionalità tutti i giorni lavorano. Ecco chiediamo a voi colleghi di indignarvi davanti a ciò che sta succedendo.

Il gruppo che voglio rappresentare si chiama “Infermieri in Ordine“. Questo gruppo è formato da professionisti validi, che lavorano davvero e non hanno bisogno di mostrare il loro cartellino per dimostrare che ogni griono sono attivi e in corsia. Oggi più che mai vi chiediamo di indignarvi davanti a tutti coloro che non vi portano rispetto. Qualche mese fa potevamo dire che non portare rispetto fosse essere vittime di violenza, oggi si riperquote su di noi un’altro tipo di violenza…più silenziosa ed invidiosa. Non abbiamo protezione.

Oggi a combattere il COVID-19 ci sono neolaureati senza un’adeguata formazione e un adeguato affiancamento.

Oggi a combattere il COVID-19 ci sono professionisti a cui viene negato il tampone per diagnosticare la malattia.

Oggi a combattere il COVID-19 ci sono infermieri che da anni esercitano e non vedono cambiare il loro stipendio. Stiamo o no combattendo tutti la stessa battaglia? Ecco allora diamo a tutti non 100 euro, ma un cambio di contratto un’aumento orario!!!

Oggi a combattere il COVID-19 ci sono infermieri ed infemiere che hanno una famiglia e che tutti i giorni senza adeguati dispositivi di protezione individuale lavorano e hanno paura di contagiare i loro cari. Quanto ancora dovremo restare isolati? Isolati dalle istitutizioni, dalle direzioni e dal Governo.

Il gruppo “Infermieri in Ordine” non acccetta più di sentire belle parole e finto conforto. Vogliamo fatti, non parole. Ci sono stati promessi i tamponi e ancora in tantissimi li aspettano. Non vogliamo più sapere che coloro che lavorano con gli anziani sono dimenticati, sono in prima linea anche loro come tutti noi. Non vogliamo più sapere che i nostri colleghi contraggano la malattia.

ECCO allora chiediamo a Stefano Bonaccini, governatore della Regione Emilia Romagna, i tamponi subito come promesso.

Chiediamo all’Ordine degli Infermieri di Bologna un aiuto concreto ed effettivo di tutela degli infermieri bolognesi.

Chiediamo a Giuseppe Conte non 100 euro oggi in busta paga può tenerseli, ma un contribuito REALE a tutti e sempre.

Chiediamo inoltre ad Angelo Borrelli, presidente della Protezione Civile, che ogni presidio non omologato non venga distribuito perchè abbiamo bisogno di scudi VERI con cui affrontare questo virus.

Il Movimento Infermieri in Ordine esprime solidarietà nei confronti dei colleghi impegnati attivamente e comunica che tutti i suoi componenti si stanno impegnando contro il COVID-19.

Giulia De Francesco
Infermiera e portavoce Movimento “Infermieri in Ordine – Bologna e Imola

Leggi anche:

Coronavirus: ecco il nostro Speciale. Tutti i giorni le ultime novità dal fronte del COVID-19.

 

DPI Coronavirus: quali sono quelli giusti per proteggere sè e gli altri?

Coronavirus. Vademecum per il corretto utilizzo delle mascherine. Quelle con valvola possono infettare.

Coronavirus. Numero dei nuovi contagi e delle guarigioni regione per regione.