Quota 100 e Infermieri: per Cicia (OPI Salerno) bene pensionamenti, ma si assuma!
Quota 100 e Infermieri: per Cicia (OPI Salerno) bene pensionamenti, ma si assuma!
Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Il Presidente dell’Ordine degli Infermieri di Salerno, Cosimo Cicia, scende in campo per chiedere DPI per tutti gli operatori dell’ASL e dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Ruggi D’Aragona”.

Cosimo Cicia, presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Salerno e membro del comitato centrale della FNOPI, sbotta: “ora basta, mancano Dispositivi di Protezione Individuale e gli giustamente Infermieri protestano”. Il rappresentante dell’OPI ha inviato poco fa una lunga missiva di protesta indirizzata ai vertici dell’ASL salernitana e dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Ruggi D’Aragona”. Ecco cosa chiede nello specifico.

La lettera del presidente Cosimo Cicia ai vertici di ASL e AOU di Salerno.

  • Spett.le Direttore Generale Dr. Mario Iervolino – ASL SALERNO
  • Spett.le Commissario Straordinario Dr.Vincenzo D’Amato – A.O.U. San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona

Oggetto: DPI.

Da più parti arriva l’invito a lavorare insieme per garantire a tutte le strutture “di proteggere le persone che proteggono il resto di noi”.

Ma attualmente, infatti, la carenza dei dispositivi individuali di protezione “sta lasciando infermieri, medici e altri operatori sanitari in prima linea pericolosamente mal equipaggiati”,

L’assenza di dispositivi di protezione individuale come le mascherine forniti soprattutto agli ospedali e la carenza di personale “lasciano scoperta o rendono pericolosa l’assistenza nelle strutture e sul territorio.

Le statistiche di ogni giorno indicano che, dei casi positivi a COVID-19, oltre l’80% sono medici e infermieri. E, per tutti, le prospettive sono quelle di un rischio altissimo senza gli adeguati dispositivi di protezione personale e di un livello di stress per la carenza di organici che lascerà il segno anche dopo l’emergenza COVID-19.

Sia chiaro che nessuno si tirerà mai indietro, e la miglior testimonianza di questo la danno i cittadini con la loro gratitudine e gli stessi professionisti con l’impegno profuso nel salvare vite”.

Necessita, però, ridefinire le priorità nella lotta al nuovo Coronavirus mettendo subito in sicurezza medici e infermieri, come strategia primaria di sanità pubblica.

In questo momento sento tutta la responsabilità di rappresentare una categoria professionale, quella degli infermieri, alla quale non è stato, e non è garantito il diritto alla sicurezza.

Una situazione inverosimile, indegna di una società civile, che mette in pericolo la salute pubblica perché è stato sottovalutato il rischio nei confronti degli operatori.

Chiedo che la fornitura dei DPI diventi una priorità assoluta: lo richiede la salute dei nostri cittadini e lo merita.

Rivolgo quindi un accorato appello a provvedere all’immediata erogazione, a tutti gli operatori sanitari, di kit completi ed in numero adeguato di dispositivi di protezione di qualità idonea a contenere sia il rischio di contrarre il virus che di esporre la popolazione ad involontario contagio.

Il Presidente OPI Salerno
dott. Cosimo Cicia

Leggi anche:

Coronavirus: ecco lo “speciale” di AssoCareNews.it.

DPI Coronavirus: quali sono quelli giusti per proteggere sè e gli altri?