Complessità assistenziale: cos’è per gli infermieri.

Meno Infermieri, più Pazienti morti in Ospedale e sul Territorio.

Il concetto nebuloso di complessità assistenziale non ha una definizione univoca.

Spesso i professionisti infermieri non riesco a collocare il loro operato all’interno di una definizione di complessità, proprio perchè non è chiara la definizione.

La complessità assistenziale è un concetto non ben definito. Mancano definizioni univoche e quelle che ci sono non bastano a descrivere le numerose realtà esistenti. La complessità assistenziale è strettamente intrecciata con la complessità clinica ma non solo. Qualsiasi modello venga utilizzato per stimare la complessità deve avere tener conto di aspetti clinici e non solo. Si rende necessario operare una valutazione più ampia che tenga in considerazione: empowerment del paziente o care-giver, grado di autonomia, risorse necessarie e risorse residue.

Una prima definizione di complessità assistenziale è del 1979, venne descritta nel Journal of Nursing Administration e la cui parternità è di Giovannetti che in un articolo intitolato “Understanding patient classification systems” parlando del concetto più ampio di classificazione dei pazienti, definisce il concetto di Complessità Assistenziale con questi termini:

[…] una categorizzazione di pazienti basata su una valutazione dei loro bisogni di cura durante un periodo specifico.

Nella definizione e classificazione di realtà diverse in base alla complessità assistenziale dobbiamo tenere conto di due fattori. Il primo i pazienti, la complessità clinico-assistenziale ci permetterà di raggruppare in base al loro bisogno clinico e assistenziale i pazienti. Il secondo fattore da valutare sono gli infermieri, richiesti per erogare la migliore risposta assistenziale.

Da dove nasce la necessità di definire una complessità assistenziale? Serve per creare uno standard, una misura, un paradigma su cui muoversi. Si calcolano il tempo necessario da dedicare ad ogni paziente e gli operatori di cui necessita. In questo modo vengono stimate le competenze necessarie, al fine di fornire la risposta più appropriata, efficace ed efficiente alla persona che si rivolge a noi per delle cure.

Come si possono correlare gli Obiettivi della Direzione Aziendale con la Complessità Assistenziale? Ogni decisione presa dalla Direzione circa budget, dotazioni organiche, distribuzione di risorse e strategie, va incorniciata in un ottica aziendale di ottimizzazione delle risorse. Come utilizzo meglio le mie risorse: conoscendo quelle di cui dispongo. Da qui nasce la necessità di analisi della Complessità Assistenziale da parte delle direzione.

Per una direzione delle professioni sanitarie sarà fondamentale a livello strategico e operativo basarsi su un criterio specifico e oggettivo per: allocare risorse, valutare i risultati attesi da ogni Unità Operativa, valutare i livelli standard, proporre nuovi modelli organizzativi e anche valutare l’introduzione di sistemi incentivanti.

Potrebbe interessarti...