histats.com

Concorso Infermieri Friuli Venezia Giulia: la preselezione è andata bene!

Concorso Infermieri Friuli Venezia Giulia: la preselezione è andata bene!
I partecipanti alla preselezione del Friuli Venezia Giulia. Un Concorso Infermieri organizzato in modo impeccabile.
Eppur si muove! Galileo Galilei commenterebbe a questo modo il panorama dell’infermieristica precaria italiana. Parliamo di quei colleghi, spesso i più giovani, che esercitano la professione a bordo di pullman e treni, specialisti in BlaBlaCar alla ricerca disperata di superare finalmente un concorso pubblico ed accedere ad un ruolo nel Sistema Sanitario Nazionale. Al posto fisso, per dirla alla Zalone maniera. E’ accaduto anche oggi per il Concorso Infermieri del Friuli Venezia Giulia.
In questo museo delle cere Italiano sembra che qualcosa invece si stia muovendo. Già l’informazione non di settore ha da qualche tempo dedicato approfondimenti e dossier, seppur saltuariamente, alle condizioni da esodo epopeico a cui stiamo assistendo. Nell’edizione delle 20 del TG5 del 19 febbraio è andato in onda un servizio dedicato alla prova concorsuale di Novara focalizzato su questo fenomeno ma diffondendo numeri riguardo alla prova scritta e quindi non eclatanti come le preselezioni. Nonostante questo è sempre cosa buona e giusta prendere il bicchiere come mezzo pieno. I media non di settore se ne stanno occupando, abbiamo solo da guadagnare.
Riguardo invece alla penosa composizione delle prove arriva una notizia inattesa ma decisamente confortante. 
 
Parliamo della preselezione del Concorso Infermieri in Friuli Venezia Giulia. I mesi e mesi di attesa che sono intercorsi tra la data di chiusura delle iscrizioni e la prova di preselezione non sono stati vani: i candidati hanno sostenuto infatti un test lodevolmente ponderato. Prima di tutto si trattava di rispondere a una quarantina di quiz multipli in 50′. Questo rapporto è ovviamente logico ma anche in controtendenza rispetto ai tanti test degli ultimi anni in cui si pretendeva la risposta ad un numero di quiz evidentemente eccessivo rispetto alle tempistiche della prova. La vera notizia positiva riguarda però la qualità delle domande.
 
Chi si aspettava domande sulle catene montuose e sui volatili d’oltreoceano è rimasto deluso: per una volta (seppur non l’unica) un concorso di infermieri si è basato su temi infermieristici!
 
Che sia un effetto delle decine e decine di ricorsi presentati ad ogni concorso? Non possiamo saperlo. Quel che è sicuro è che qualche percettibile movimento si è visto. È logico aspettarsi dei passi falsi, ma la speranza di raggiungere condizioni concorsuali nel suo complesso accettabili è molta e non deve morire per nessuna ragione al mondo. Fondamentalmente perché non possiamo permettercelo.
 

17.000 pretendenti per 466 posti. 188 sono quelli destinati agli OSS

Il concorso infermieri 2018 parte oggi con la preselezione che passerà al setaccio le competenze degli oltre 17mila candidati che hanno raggiunto il Friuli Venezia Giulia da tutta Italia (e non solo) nella speranza di conquistare uno dei 654 posti messi in palio dalla sanità regionale. Diciamo non solo perché se non fa specie venire a sapere che le tratte degli autobus provenienti dal Sud hanno fatto registrare il tutto esaurito, quasi commuove la notizia per cui c’è chi, dopo esser emigrato a Londra, ha visto nel concorso una possibilità per fare ritorno in Italia.

Fatto sta che i posti disponibili, a fronte della marea di candidati che ha preso d’assalto il Friuli, sono veramente pochini: 466 come infermieri, 188 come operatori socio-sanitari. Per quanto riguarda gli OSS, tuttavia, i candidati sono di meno: 5.397. La calendarizzazione della data della preselezione è ancora da scegliere. 

Dott. Marco Tapinassi

Vice-Direttore. Infermiere in Psichiatria, webwriter, attentatore di biscotti ma anche coautore di libri sui concorsi pubblici. Immagina l'informazione come un fattore di crescita. Non perde nemmeno un tè con il suo Bianconiglio.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394