Concorso Infermieri Estar Toscana: protesta chi ha superato la prova preselettiva.

Concorso Infermieri ESTAR: elenco ammessi per avviso pubblico tempo determinato.

Non cessano le polemiche sui social dopo la richiesta degli Ordini degli Infermieri della Toscana di annullare il concorso Estar 2019. Il Concorso Estar è valido per chi avrà superato la prova?

Arrivano continue segnalazioni alla nostra redazione rispetto alla missiva degli Ordini degli Infermieri della Toscana che in sostanza chiedono l’annullamento della preselezione del Concorso Infermieri Estar.

Chi pensa di aver superato la prova sta già chiedendo all’azienda sanitaria di non annullare la prova di preselezione, anche perché chi eventualmente ha commesso degli errori sui test non sono i concorsisti ma gli organizzatori della selezione. In tanti si dicono danneggiati per quanto avvenuto e minacciano di agire per vie legali nei confronti degli OPI e della stessa Estar.

Continueremo ad informarvi sull’accaduto, intanto ecco cosa hanno scritto gli Ordini infermieristici mediante il presidente del coordinamento regionale degli OPI toscani, Giovanni Grasso:

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi.

La nota degli OPI toscani.

Gli OPI Toscana chiedono ad ESTAR di ammettere direttamente tutti i partecipanti alla preselezione.

Di seguito il testo della richiesta:

Il Coordinamento degli Ordini delle Professioni infermieristiche della Toscana, dopo le numerose segnalazioni giunte da numerosi partecipanti al concorso per infermieri che si è svolto ad Arezzo , in merito alla pubblicazione di correttori errati e ad un errata formulazione di alcune domande, chiede alla Direzione ESTAR, l’ammissione alla fase successiva di tutti i 9.500 partecipanti alla preselezione, in considerazione anche del fatto che il loro numero è significativamente inferiore agli annunciati 12.500 iscritti alla prova concorsuale.

Questa significativa riduzione tra il numero di iscritti alla prova concorsuale e la successiva preselezione è un sintomo predittivo che gli infermieri disponibili per la graduatoria saranno in numero inferiore rispetto a quanto successo con il concorso passato. Del resto gli scriventi Ordini, sempre per questo motivo, avevano suggerito di non svolgere affatto nessuna prova preselettiva.

La nostra richiesta di fare accedere tutti alla fase successiva è utile per non rallentare la formazione della graduatoria, che sarà in grado di dare una risposta alle esigenze di personale infermieristico di tutta la nostra Regione.

Questa nostra indicazione sarebbe una scelta di buon senso che sicuramente sarà apprezzata da tutta la categoria infermieristica.

Potrebbe interessarti...