Pubblicità

Le mammelle o seni sono strutture accoppiate situate sulla parete toracica anteriore, nella regione pettorale.

I seni, detti anche mammelle, sono presenti sia nei maschi che nelle femmine. Ovviamente sono più prominenti nelle femmine dopo la pubertà. Continuiamo il nostro viaggio nel Corpo Umano.

Nelle femmine, il seno contiene le ghiandole mammarie, una ghiandola accessoria del sistema riproduttivo femminile. Le ghiandole mammarie sono le strutture chiave coinvolte nella lattazione.

In questo articolo, esamineremo l’anatomia del seno: la loro struttura, innervazione, apporto vascolare e qualsiasi rilevanza clinica.

In questo articolo prendiamo maggiormente in considerazione la struttura del seno femminile.

Anatomia e ubicazione.

Il seno si trova sulla parete toracica anteriore. Si estende orizzontalmente dal bordo laterale dello sterno alla linea medio-ascellare. In verticale, si estende tra la 2a e la 6a cartilagine costale. Si trova superficialmente ai muscoli pettorale maggiore e dentato anteriore.

Il seno può essere considerato composto da due regioni:

  • Corpo circolare: parte più grande e prominente del seno.
  • Coda ascellare – parte più piccola, corre lungo il bordo laterale inferiore del grande pettorale verso la fossa ascellare.

Come è fatto il seno.

Al centro del seno c’è il capezzolo, composto principalmente da fibre muscolari lisce. Intorno al capezzolo c’è un’area pigmentata della pelle chiamata areola.

Ci sono numerose ghiandole sebacee all’interno delle areole: queste si ingrandiscono durante la gravidanza, secernendo una sostanza oleosa che funge da lubrificante protettivo per il capezzolo.

Il seno è composto da ghiandole mammarie circondate da uno stroma di tessuto connettivo.

Ghiandole mammarie.

Le ghiandole mammarie sono ghiandole sudoripare modificate. Sono costituiti da una serie di condotti e lobuli secretori (15-20).

Ogni lobulo è costituito da molti alveoli drenati da un unico dotto lattico. Questi condotti convergono al capezzolo come i raggi di una ruota.

Stroma del tessuto connettivo.

Lo stroma del tessuto connettivo è una struttura portante che circonda le ghiandole mammarie. Ha una componente fibrosa e una grassa.

Lo stroma fibroso si condensa per formare legamenti sospensori (di Cooper).

Questi legamenti hanno due funzioni principali:

  • attaccare e fissare il seno al derma e alla fascia pettorale sottostante.
  • separare i lobuli secretori del seno.

Fascia pettorale

La base del seno si trova sulla fascia pettorale, un foglio piatto di tessuto connettivo associato al muscolo grande pettorale. Agisce come punto di attacco per i legamenti sospensori.

C’è uno strato di tessuto connettivo lasso tra il seno e la fascia pettorale, noto come spazio retromammario. Questo è uno spazio potenziale, spesso utilizzato nella chirurgia plastica ricostruttiva.

Vascolarizzazione.

L’apporto arterioso all’aspetto mediale del seno avviene attraverso l’arteria toracica interna (nota anche come arteria mammaria interna) – un ramo dell’arteria succlavia.

La parte laterale del seno riceve il sangue da quattro vasi:

  • Rami toracici laterali e toracoacromiali – originano dall’arteria ascellare.
  • Rami mammari laterali – provengono dalle arterie intercostali posteriori (derivate dall’aorta). Forniscono l’aspetto laterale del seno nel 2 ° 3 ° e 4 ° spazio intercostale.
  • Ramo mammario: ha origine dall’arteria intercostale anteriore.

Le vene del seno corrispondono alle arterie, drenando nelle vene ascellari e toraciche interne.

Vasi Linfatici.

Il drenaggio linfatico del seno è di grande importanza clinica per il suo ruolo nelle metastasi delle cellule del cancro al seno.

Esistono tre gruppi di linfonodi che ricevono linfa dal tessuto mammario:

  • i nodi ascellari (75%);
  • i nodi parasternali (20%);
  • i nodi intercostali posteriori (5%).

La pelle del seno riceve anche il drenaggio linfatico:

  • Pelle: drena ai nodi ascellari, cervicali profondi inferiori e infraclaveari.
  • Capezzolo e areola – drena al plesso linfatico subareolare.

Innervazione.

La mammella è innervata dai rami cutanei anteriore e laterale dal 4 ° al 6 ° nervo intercostale. Questi nervi contengono fibre nervose sia sensoriali che autonome (le fibre autonome regolano la muscolatura liscia e il tono dei vasi sanguigni).

Va notato che questi nervi non controllano la produzione e la secrezione del latte.

Questo è regolato dagli ormoni prolattina e ossitocina, che sono secreti dalla ghiandola pituitaria.

Cancro al seno.

Il cancro al seno è il tipo più comune di cancro diagnosticato nel Regno Unito. Dopo il cancro ai polmoni ha il secondo tasso di mortalità dovuto al cancro. È più comune nelle donne rispetto agli uomini.

Le manifestazioni comuni associate al cancro al seno sono dovute a blocchi del drenaggio linfatico.

La linfa in eccesso si accumula nel tessuto sottocutaneo, determinando caratteristiche cliniche come deviazione e retrazione del capezzolo e pelle prominente tra i piccoli pori increspati (peau d’orange).

Le fossette più grandi sono generalmente causate da invasioni cancerose e fibrosi. Ciò provoca la trazione dei legamenti sospensori, facendoli accorciare.

Le metastasi si verificano comunemente attraverso i linfonodi. È molto probabile che siano coinvolti i linfonodi ascellari. Diventano duri e fissi. In seguito, il cancro può diffondersi in luoghi distanti come fegato, polmoni, ossa e ovaie.

Per valutare un sospetto cancro al seno viene eseguita una tripla valutazione. Ciò comporta l’esame clinico, l’imaging utilizzando una mammografia e un’ecografia e infine una biopsia.

La stadiazione del cancro al seno utilizza il sistema I-IV o il sistema Tumor Node Metastasis (TNM).

Il trattamento chirurgico con radioterapia adiuvante è l’opzione di trattamento raccomandata.

L’operazione è locale e mira a rimuovere solo l’area di tessuto interessata. In caso contrario, si ritiene che una mastectomia sia l’opzione migliore.

La chemioterapia adiuvante è nota anche per migliorare i tassi di sopravvivenza.

Leggi anche:

Corpo Umano: viaggio all’interno di una macchina perfetta.

Mammografia: cos’è, durata, preparazione, indicazione e gravidanza.

TSRM e Mammografia 3D: i pro e i contro della procedura.

Percorso diagnostico mammografia: il TSRM protagonista nella diagnosi. Al centro resta la donna.

Cancro al seno: radiazioni, rischio reale durante mammografia.

3 COMMENTS

Comments are closed.