histats.com
venerdì, Marzo 1, 2024
HomeConcorsi InfermieriAppunti Concorsi InfermieriClassificazione dello shock ipovolemico.

Classificazione dello shock ipovolemico.

Pubblicità

Lo shock ipovolemico interessa infermieri e medici attivi nell’emergenza-urgenza. Ci sono varie classi di shock.

La perdita ematica crea uno squilibrio all’interno del nostro corpo, che l’organismo cerca di supplire. Alcune volte la perdita è tale che bisogna ricorre a trasfusione o all’introduzione di liquidi.

Le tipologie di shock sono varie, quello che definiamo come shock ipovolemico è una particolare tipologia di shock che vede la perdita ematica come fattore caratterizzante. Individuare l’esatto grado di shock serve ai soccorritori per valutare i trattamenti da attuare.

Lo shock ipovolemico si caratterizza per ipotensione arteriosa, tachicardia, tachipnea e perdita di coscienza. La diminuzione della pressione a livello ematico comporta dunque un riadattamento del nostro organismo alla situazione di urgenza: quando il torrente ematico perde afflusso il cuore cercherà di pompare di più per consentire il rifornimento di sangue.

Le classi di shock ipovolemico sono le seguenti:

  • classe I: perdita fino al 20%
  • classe II: perdita tra il 15 e il 30%
  • classe III: perdita tra 30 e 40 %
  • classe IV: perdita oltre il 40%

Alle volte le risposte fisiologiche del nostro organismo non bastano per sopperire all’urgenza, così sarà compito dei soccorritori individuare le cause di quello squilibrio (emorragie, ustioni, ecc.). Va sempre ricordato che ormai gli studi dimostrano che non serve reintrodurre la quantità di sangue persa, attuando una trasfusione o infondendo soluzioni colloidali, se dall’altro capo abbiamo “un rubinetto che perde”. Bisogna fermare i foci dell’emorragia prima di qualsiasi manovra di reintroduzione di liquidi, altrimenti andremo solo ad alimentare l’emorragia stessa.

Dott.ssa Giulia De Francesco
Dott.ssa Giulia De Francesco
Infermiera, classe 1994. Vive a Imola e lavora presso l’AUSL Romagna (Faenza); studia a Bologna per conseguire la laurea magistrale. Laurea in infermieristica con Lode presso l'Università di Bologna, I sessione (ottobre 2016). Master in funzioni di coordinamento con Lode presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, I sessione (novembre 2018). Una pubblicazione scientifica sulla rivista italiana ANIPIO "Sperimentazione di una check-list per implementare un Bundle per la prevenzione delle batteriemie correlate a Catetere Venoso Centrale" (ottobre 2017). Ama leggere e camminare, non datele un microfono perché improvvisa un karaoke ovunque.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394