histats.com
giovedì, Giugno 30, 2022
HomeIn evidenzaColamaria (OPI Rimini): "non ci sono Medici in Pronto Soccorso? Diamo spazio...

Colamaria (OPI Rimini): “non ci sono Medici in Pronto Soccorso? Diamo spazio agli Infermieri”.

Pubblicità

Il presidente dell’OPI di Rimini, Nicola Colamaria, è chiaro: “non ci sono Medici in Pronto Soccorso? Diamo spazio agli Infermieri”.

I Pronto Soccorso della provincia di Rimini e del resto d’Italia sono presi d’assalto, mentre continua la carenza cronica di Medici e le code e le proteste aumentano. Per far fronte a tale problematica ora arriva la proposta provocatoria, ma non tanto, del presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Rimini, Nicola Colamaria.

Colamaria, che da anni è anche Infermiere del Servizio 118 dell’AUSL Romagna, alza la voce ed entra a gamba tesa nella discussione relativa alla mancanza di Medici: gli infermieri sono in grado di intervenire come già dimostrato con il 118.

E’ quanto riferisce lui stesso a Il Resto del Carlino. Dunque se il 118, da tempo ormai, vede la presenza di infermieri a bordo, fondamentali per intervenire nei casi di codice uno, allora le stesse professionalità potrebbero essere investite di una maggiore responsabilità in un sistema di gestione delle emergenze e degli accessi dei cittadini sul territorio con codici di bassa gravità. Andiamo con ordine.

“Il sistema di emergenza-urgenza territoriale 118 della provincia di Rimini possiede un valore professionale intrinseco raramente riscontrabile in sistemi simili a livello nazionale – spiega Colamaria -. Attualmente nella provincia di Rimini sono in servizio 18 ambulanze in orario diurno e 12 in orario notturno, tutte con infermieri a bordo, la gran parte dei quali specialisti in emergenza-urgenza”.

Nella realtà quotidiana “i dati disponibili ci dicono anche che una parte significativa degli interventi del 118 sono classificati come codici 1 (codice verde del pronto soccorso) rispetto ai quali non esiste allo stato attuale un’alternativa all’accesso al pronto soccorso. Di qui la necessità di sviluppare un’ulteriore sinergia tra le professioni e le organizzazioni per creare percorsi ad hoc a beneficio degli utenti che, sottoposti a valutazione di triage da parte dell’infermiere del 118, possono essere presi in carico dal medico di famiglia o dal medico di continuità assistenziale (ex Guardia medica) con l’obiettivo di ridurre ulteriormente, quando possibile, gli accessi in pronto soccorso”.

Per dirla in breve “serve un nuovo modello di assistenza sul territorio, e gli infermieri sarebbero un valore aggiunto da considerare nei piani dell’Ausl Romagna”.

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394