Pubblicità

Il vice-presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Firenze-Pistoia si schiera a favore del presidente Danilo Massai. Lo fa perché dal punto istituzionale non può fare diversamente? A noi è sembrato sincero.

Interpellato telefonicamente ieri pomeriggio dal nostro direttore Angelo Riky Del Vecchio, David Nucci (il più giovane nella foto qui in alto) si è detto favorevole alla scelta fatta dal presidente Danilo Massai (nella foto qui in alto) di creare una mozione con la quale sostanzialmente si permetteva ai soli medici e non già agli infermieri o altri professionisti sanitari di accedere al coordinamento dirigenziale del rischio clinico in Toscana. Accade all’Ordine delle professioni infermieristiche di Firenze-Pistoia. Ma da giorni sulla questione è polemica, anche sui social.

Nucci era molto tranquillo al telefono, ma la sensazione data era quella di non poter dire di no, ovvero di non poter smentire il proprio presidente in quanto anche suo rappresentante a livello istituzionale.

Sulla mozione, di cui abbiamo riferito in altri servizi, si è registrata la presa di posizione avversa di tutti gli OPI della Toscana e anche di consiglieri dell’OPI di Firenze-Pistoia e persino dell’Ordine dei medici e degli odontoiatri di Firenze.

Una querelle che si è poi trasferita sui social, soprattutto su Facebook.

Diciamocela tutta, ormai il gruppo che sosteneva Massai si è spaccato irrimediabilmente e in molti si stanno preparando a dare un taglio con il passato per le elezioni OPI 2020.

Nelle ultime ore il dibattito circa mozione e assenza di confronto istituzionale si è spostata direttamente sulla pagina fb dell’Ordine con interventi di alcuni consiglieri e iscritti toscani.

In particolare il consigliere Roberto Romano denuncia, seppur non ufficialmente, una situazione analoga a quella dell’OMCeO Firenze ovvero l’assoluta assenza di condivisione e dibattito in consiglio OPI circa i contenuti della mozione.

Sul caso si registra anche l’intervento sui social contro o a favore di Massai di diversi colleghi.


Danilo Massai, per finire, in una nota diramata alla stampa ha sostenuto a spada tratta la sua mozione, anche se non risponde alle critiche di mancato dialogo con gli altri OPI (la mozione ha effetti sull’intera regione) e con i suoi stessi consiglieri.

Come andrà a finire? Chi lo sa, intanto la lunga campagna elettorale per il rinnovo delle cariche e della presidenza dell’Ordine sembra già partita.