histats.com
martedì, Giugno 28, 2022
HomeInfermieriBrunetta risponde agli Infermieri, un gruppo di loro lo attacca sulla sua...

Brunetta risponde agli Infermieri, un gruppo di loro lo attacca sulla sua Pagina Facebook.

Pubblicità

Il ministro Renato Brunetta risponde agli Infermieri, mentre un gruppo di loro lo attacca sulla sua Pagina Facebook. Scattano le denunce?

Potrebbero finire in tribunale gli attacchi personali e diffamatori nei confronti del Ministro della P. A. Renato Brunetta, che nei giorni scorsi aveva risposto agli Infermieri parlando di “parole pretestuose” nei suoi confronti.

A quanto si è appreso il Ministro avrebbe denunciato alcuni facinorosi per minacce e per calunnia alla Polizia Postale e quindi alla magistratura.

Nei giorni scorsi aveva ricevuto anche gli attacchi del sindacato Nursind, di cui abbiamo riferito in un apposito servizio.

Il post del Ministro Brunetta in risposta agli Infermieri sugli aumenti stipendiali da fame.

In relazione all’indennità di specificità per gli infermieri leggo interpretazioni sconcertanti e attacchi pretestuosi. Facciamo chiarezza:

1️ – è stato il Governo Conte 2 a istituire con la manovra 2021 l’indennità di specificità per gli infermieri (335mln) e per gli altri profili sanitari e sociosanitari (100mln), finalizzata al riconoscimento delle competenze e delle attività svolte a tutela della salute, che durante la pandemia si sono rivelate fondamentali;

2️ – questa indennità è parte integrante del trattamento degli infermieri e degli altri profili e decorre dal 1/01/21;

3️ – è stata la manovra 2021 a prevedere che le nuove indennità per gli infermieri e per gli altri profili sanitari debbano essere definite nei contratti collettivi nazionali di lavoro, proprio perché si tratta di voci retributive di nuova istituzione, non disciplinate negli attuali contratti del comparto sanità, che dunque necessitano di regole di dettaglio perché le aziende sanitarie possano erogarle;

4️ – la scelta del legislatore di demandare la disciplina delle nuove indennità alla contrattazione collettiva appare coerente con le regole del pubblico impiego, secondo cui la disciplina del trattamento economico è di esclusiva competenza dei contratti collettivi di lavoro;

5️ – sono stato io a promuovere il 10/03 la firma del Patto Governo-sindacati e ad aprire la stagione dei rinnovi contrattuali, per consentire ai “volti della Repubblica” di ottenere il giusto riconoscimento;

6️ – appena arrivato l’atto di indirizzo dalle Regioni, sono stati avviati all’Aran i tavoli per i rinnovi contrattuali del comparto sanità. Sono stati già forniti dall’Aran i dati di base per definire i nuovi trattamenti economici e le trattative proseguiranno in modo serrato nelle prossime settimane per sottoscrivere il nuovo contratto che consentirà di riconoscere le nuove indennità comprensive di arretrati (quasi 900 euro annui per il solo personale infermieristico) e gli incrementi dello stipendio e di tutte le altre voci della busta paga di cui beneficerà tutto il personale del comparto (quasi il 5% su base annua, che si aggiungono alle risorse previste per le due indennità).

Le risorse ci sono, i contratti sono in via di definizione. Con la collaborazione costruttiva di tutti sarà possibile chiudere il contratto già all’inizio del prossimo anno. Con decorrenza dell’indennità dal 1° gennaio 2021.

Come andrà a finire?

Chi lo sa, intanto nella vicenda dei rinnovo contrattuali ad essere penalizzati sono proprio gli Infermieri Italiani, che riceveranno aumenti ridicoli e qualche pacca in più sulla spalla. In fondo che “eroi” sono?

Leggi anche:

Brunetta ci fa o ci è? Se lo chiede il Nursind a proposito di nuovo contratto per Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie.

L’indennità infermieristica sarà pagata agli inizi di gennaio. Parola di Brunetta. Insorgono i sindacati.

Dott. Angelo Riky Del Vecchiohttp://www.angelorikydelvecchio.com
Nato in Puglia, vive e lavora in Puglia, Giornalista, Infermiere e Scrittore. Già direttore responsabile di Nurse24.it, attuale direttore responsabile del quotidiano sanitario nazionale AssoCareNews.it. Ha al suo attivo oltre 15.000 articoli pubblicati su varie testate e 18 volumi editi in cartaceo e in digitale.
RELATED ARTICLES

4 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394