histats.com
domenica, Marzo 3, 2024
HomeInfermieriAiello (Movimento 5 Stelle): "in Sicilia le RSA sono al collasso per...

Aiello (Movimento 5 Stelle): “in Sicilia le RSA sono al collasso per cattiva gestione; sfruttati Infermieri e OSS, trattati peggio i Pazienti”.

Pubblicità

Aiello (M5S): “in Sicilia occorre intervenire e con urgenza sulla gestione delle RSA, in pericolo il lavoro degli operatori, ma soprattutto l’assistenza ai pazienti fragili”.

Presentiamo qui di seguito una interrogazione parlamentare del Deputato Davide Aiello del Movimento 5 Stelle sullo stato di degrado in cui versano diverse Residente Sanitarie Assistenziali (RSA) in terra sicula. Il Covid e la cattiva gestione hanno messo in ginocchio in sistema di cure e di accoglienza che sta creando danni agli operatori che ci lavorano, ma soprattutto agli ospiti, vittime indifese e fragili.

Di qui l’interrogazione presentata ai Ministri del Lavoro e delle Politiche Sociali, dell’Interno, della Salute e delle Infrastrutture e della Mobilità.

L’Interrogazione a risposta scritta 4-12251 presentata da AIELLO Davide.

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
MINISTERO DELL’INTERNO
MINISTERO DELLA SALUTE
MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITA’ SOSTENIBILI

DAVIDE AIELLO. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro dell’interno, al Ministro della salute. — Per sapere – premesso che:

nella regione Sicilia sono sempre più numerose le strutture private accreditate con il Servizio sanitario regionale come Residenza sanitaria assistenziale (R.S.A);

anche a seguito delle diverse notizie di cronaca riguardanti abusi sugli ospiti delle RSA, negli ultimi giorni del 2021 è stato approvato l’accordo Stato-regioni in base al quale si impone l’obbligatorietà della videosorveglianza all’interno delle stesse;

come riportato da recenti notizie di stampa, lavoratori della Sereni Orizzonti, l’istituto geriatrico siciliano di via Messina Marine di Palermo, hanno denunciato carichi di lavoro troppo pesanti all’interno dell’istituto in parola: si parla di un solo operatore socio-sanitario per reparto, composto in media da 18 degenti, e di due infermieri per cinque reparti, con circa 87 degenti in totale presenti nella struttura;

i dipendenti della casa di riposo di Sant’Angelo di Licata in Provincia di Agrigento, secondo le notizie di febbraio 2022, da dieci mesi non ricevevano il pagamento dello stipendio, pur continuando a prestare servizio per assistere i malati e gli anziani;

una situazione analoga si è verificata anche nella casa di riposo RSA Bonifato di Alcamo (Trapani). Invero, si apprendeva dalla stampa, come infermieri e personale della struttura fossero senza stipendio da 10 mesi (a settembre 2019), nonostante la cooperativa che si occupa della gestione dell’istituto ricevesse regolari fondi pubblici dall’ASP Trapani;

le residenze sanitarie assistenziali (RSA) e i presìdi residenziali sociosanitari e socioassistenziali per persone anziane sono stati colpiti duramente dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del COVID-19 sin dalla sua prima apparizione in Italia nel febbraio 2020;

in tali strutture, nei mesi successivi, è stato registrato un numero altissimo di decessi da COVID-19 e molto pesante è stato l’impatto della pandemia sui diritti alla vita privata e familiare degli ospiti delle strutture che sono sopravvissuti;

la tutela delle persone fragili che si trovano all’interno di queste strutture può avvenire solo colmando il divario contrattuale che sussiste tra la sanità privata e quella pubblica, anche rivedendo i requisisti organizzativi e assistenziali della sanità privata, affinché, al medesimo lavoro svolto in un contesto sanitario pubblico o privato, il salario, i diritti e le tutele siano le stesse;

le gravi problematiche gestionali delle RSA, in particolare nella regione Sicilia, si ripercuotono sulla qualità della vita degli ospiti e degli operatori –:

se i Ministri interrogati siano a conoscenza di quanto esposto in premessa;

se e quali iniziative urgenti ritengano opportuno assumere, per quanto di competenza, con riferimento ai diritti dei lavoratori delle citate strutture e alle conseguenti ripercussioni sotto il profilo della tutela del diritto alla salute degli ospiti, anche al fine di evitare che episodi di tale gravità abbiano a ripetersi;

quali iniziative di competenza, anche di carattere normativo, intendano adottare per rafforzare, d’intesa con le regioni, il monitoraggio costante delle RSA in relazione alle condizioni delle infrastrutture e alla qualità dei servizi forniti, anche potenziando la dotazione di personale e i meccanismi di vigilanza, al fine di garantire l’implementazione degli standard previsti;

se e con quali strumenti intendano favorire la valorizzazione economica e la formazione del personale attivo in tali strutture, che consenta la migliore opera di assistenza sul piano professionale e in termini di empatia e dignità della persona anziana.

RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394