Pubblicità

Non ce l’ha fatta l’Infermiere 76enne monrealese ricoverato da due settimane nel reparto rianimazione dell’ospedale Cervello. Il Covid lo ha ucciso.

Ha cessato di lottare il cuore di Salvatore Lo Coco, 76enne monrealese che intorno alle ore 20 di ieri si è spento nel reparto rianimazione dell’Ospedale Cervello, dove era ricoverato in gravi condizioni da più di due settimane. Era Infermiere un pensione.

È il 51° collega deceduto per Covid-19 dall’inizio della Pandemia.

Nulla ha potuto il personale medico quando le sue condizioni si sono improvvisamente aggravate e il cuore ha cessato di battere. Lo riferisce Monreale News.

Salvatore Lo Coco, conosciuto semplicemente come Totò, è risultato positivo al tampone Covid effettuatogli non appena sopraggiunto al pronto soccorso; ha riscontrato una polmonite bilaterale acuta che ha indotto i medici al coma farmacologico per meglio espletare le cure necessarie a ridurre l’infezione. Uomo stimato, conosciuto e amato a Monreale, ha lavorato per 40 anni come infermiere, rivestiva ancora il doppio incarico di consigliere d’amministrazione alla Samot, associazione d’assistenza ai malati terminali, e di presidente dell’Avamot, ramo associativo di volontariato domicialiare per le cure palliative e assistenza psicologica a malati.

Lascia la moglie Domenica, i tre figli Rita, Maria Grazia e Diego, e i sei nipoti Silvio, Gabriele, Sara, Matteo, Salvatore e Marco.

Buon viaggio Salvatore, sicuramente ti prenderai cura di tante anime in Paradiso.

Leggi anche:

Coronavirus. Tutti gli Infermieri morti per Covid-19. Oltre 28.000 contagiati sul lavoro.

1 COMMENT

Comments are closed.