Pubblicità

La sua vicenda probabilmente non è legata strettamente al Coronavirus, ma in passato aveva lavorato nel 118 e in Terapia Intensiva. Addio a Manuela Sacchini.

Non sappiamo se sia morta anche per il Covid-19, ma è deceduta sicuramente ai tempi del Coronavirus. Manuela Sacchini non ce l’ha fatta a battere la malattia che la stava flagellando da tempo. A renderle omaggio l’altra mattina, presso l’Ospedale di Pescara, una intera flotta di amici, di colleghi del Servizio 118 e di volontari della Croce rossa, della Misericordia, della Life e dell’Asso Onlus. A salutarla anche tanti agenti di Polizia.

L'estremo saluto a Manuela Sacchini, infermiera deceduta a Pescara.
L’estremo saluto a Manuela Sacchini, infermiera deceduta a Pescara.

Aveva 43 anni Manuela ed era molto conosciuta per i suoi impegni sociali e istituzionali. Al passaggio dell’auto funebre i colleghi l’hanno salutata per l’estremo viatico con uno scrosciante applauso.

Lavorava dalla fine del 2017 nel Servizio 118, dopo essere stata impiegata nel pronto soccorso e nel reparto di Terapia Intensiva del “Santo Spirito”. Viveva a Montesilvano (PE).

Non era sposata, ma ha lasciato un grande vuoto nella sua famiglia e tra i professionisti e pazienti che la conoscevano.

Era iscritta all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Pescara dal 2001.