Ansia: psicologi indicano 8 rimedi

Ansia, gli psicologi consigliano questi 8 rimedi e... funzionano!

Consigli per rilassarsi

Avere l'ansia (stato psichico di un individuo, prevalentemente cosciente, caratterizzato da una sensazione di intensa preoccupazione o paura, spesso infondata) non è per nulla gratificante. In Italia, secondo alcuni dati Istat, sono circa due milioni e mezzo le persone che soffrono o che hanno sofferto di disturbi d'ansia. Cosa fare se ne soffriamo? Ecco gli 8 consigli che gli psicologi danno ai loro pazienti!

Le forme più diffuse sono: la fobia specifica, l’ansia sociale e quella generalizzata. I soggetti più a rischio risiedono nei grandi centri urbani. Donne e giovani in primis. Ma di cosa si tratta nello specifico e come affrontarla? Otto sono i consigli, forniti dagli psicologi, per affrontare al meglio questo disturbo:

  1. I sintomi che coincidono con uno stato ansioso: Possono essere fisici, psicologici e comportamentali. Tra i più diffusi riscontriamo la tachicardia, le vertigini e le vampate di calore. L’intensa preoccupazione che si protrae nel tempo, la difficoltà a concentrarsi e a memorizzare, l’irritabilità e la difficoltà nell'addormentarsi. L’agitazione motoria o l’immobilità, la tendenza ad evitare l’esecuzione di specifiche attività. Si possono riscontrare (tuttavia) sintomi fisici come: tensione muscolare e spossatezza (sono gli unici indicatori di uno stato ansioso) in quanto, il corpo, può manifestare l'ansia ancor prima del cervello.

  2. Attenzione al grado di ansia : Bassi livelli di ansia sono generalmente funzionali poiché consentono di affrontare le situazioni ed andrebbero (dunque) accolti ed utilizzati come stimolo e non considerati patologici o da eliminare. Alti livelli invece, possono pregiudicare la qualità della vita o durare più di sei mesi. In questo caso urge rivolgersi ad uno psicologo o psicoterapeuta.

  3. Non confondiamo l’ansia con la paura: L'ansia non è paura. Uno studio pubblicato nel 2016 sull’American Journal of Psychiatry da Joseph LeDoux e Daniel Pine, due noti neuroscienziati, sottolinea come paura ed ansia dipendano da circuiti neuronali diversi. Diversi studi (inoltre) hanno palesato che alcune persone sono maggiormente predisposte per il loro corredo genetico o perché hanno vissuto o sono cresciute in ambienti familiari ansiogeni.

  4. La prestazione e l'immagine di sé: L'ansia da prestazione rientra in questo scenario. Ci si sente (dunque) chiamati a rispondere a livelli di visibilità, rendimento, produttività che - se non raggiunti - possono mettere a repentaglio il rispetto, l'idea o (ancor più) l'immagine che li altri hanno di noi.

  5. Ansia e rabbia: L'ansia (a volte) è la parte visibile di un sentimento profondo di rabbia: è una sorta di maschera che consente di abbassare, non dichiarare quello che si prova veramente poiché lo si teme. Quasi sempre questo celamento avviene a livello inconscio.

  6. Lettura psicosomatica: In ambito psicosomatico, l'ansia è considerata una ricchezza, un potenziale. Il cervello si fa carico di scuoterci alla radice per segnalarci che stiamo escludendo dalla nostra vita una parte essenziale di noi stessi.

  7. Pratiche per affrontare uno stato ansiogeno: L'ansia non è problema irresolubile anche se, è meglio prevenirla. Nel momento (tuttavia) in cui si presenta, si possono adottare dei piccoli rimedi strategici: respirare profondamente, passeggiare nella natura, ascoltare musica, correre, adottare stili di vita più corretti (adeguate ore di riposo, cibo sano e biologico, relazioni costruttive, tempo da dedicare alle proprie passioni e non solo al lavoro) e, non ultimo, limitare il rapporto con la tecnologia.

  8. L'efficacia della mindfulness: La meditazione è indubbiamente efficace contro i disturbi d'ansia. 

Occorre tuttavia “calarsi” in questo tipo di attività quando si è in uno stato emotivo più sereno. Praticare meditazione aumenta in ogni caso il benessere personale, l'autostima e la consapevolezza di sé.

Pin It
Dott. Giovanni Maria Scupola
Author: Dott. Giovanni Maria ScupolaEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Nato a Lecce. Blogger, web-writer, nurse-reporter. Laurea in Infermieristica (Bari, 2004), Laurea Specialistica (Parma, 2008), Master in Management e Coordinamento (Roma, 2011).
Altri servizi dell'Autore


Stampa   Email