histats.com
lunedì, Novembre 28, 2022
HomePrimo PianoCronacaOSS ubriaca cade su Paziente e lo spedisce in ospedale. Scoperto caso...

OSS ubriaca cade su Paziente e lo spedisce in ospedale. Scoperto caso dopo controlli dei NAS in RSA.

Pubblicità

Una Operatrice Socio Sanitaria (OSS) completamente ubriaca è caduta su Paziente e lo ha spedito dritto in ospedale. Caso scoperto dopo controlli dei NAS in RSA.

Continuano i controlli a tappeto dei Carabinieri del NAS nelle RSA, RSSA, CRA e Case di Riposo pubbliche e private. Nei giorni scorsi gli uomini dell’Arma hanno individuato ben 70 strutture irregolari. In una di queste segnalata una Operatrice Socio Sanitaria (OSS) che, completamente ubriaca, è caduta precipitosamente su un Paziente procurandogli lesioni multiple e il ricovero d’urgenza in Pronto Soccorso.

Controlli a sorpresa a Ferragosto dei Carabinieri Nas, d’intesa con il Ministero della Salute, nelle strutture socio-sanitarie e ricettive per anziani e disabili, dopo i casi di violenza e abusi in alcune case di riposo ed RSA.

La campagna è stata pianificata al fine di verificare il rispetto dei livelli di assistenza e di cura in un periodo caratterizzato da un aumento della domanda di ospitalità contrapposta ad una riduzione degli operatori dovuta alla fruizione di ferie e riposi lavorativi.

Negli ultimi giorni, i Carabinieri Nas hanno ispezionato, sull’intero territorio nazionale, 351 strutture, tra residenze assistenziali assistite (Rsa), case di riposo, comunità alloggio e case famiglia, individuandone 70 irregolari, pari al 20% degli obiettivi controllati, contestando 127 sanzioni penali e amministrative, per oltre 40 mila euro. Tra le violazioni più ricorrenti sono state rilevate carenze strutturali ed organizzative delle strutture come la presenza di un numero superiore di anziani rispetto alla capienza massima autorizzata, spesso collocati in ambienti eccessivamente ristretti e situazioni di minore assistenza delle persone ospitate, riconducibili a un numero ridotto di operatori per turno di servizio, in alcuni casi privi di adeguata qualifica e professionalità.

Tornando i fatti di cronaca di inizio servizio, il Nas di Udine ha deferito all’Autorità giudiziaria una Operatrice Socio Sanitaria (con diploma socio assistenziale) di una casa di riposo. Per lei l’accusa grave di aver cagionato lesioni ad un 91enne ospite della struttura, rovinandogli addosso mentre lo accudiva, a causa delle condizioni di alterazione dello stato psico-fisico dovute all’abuso di sostanze alcoliche assunte dalla stessa. E non è tutto. Nella stessa struttura sono state rilevate inosservanze delle norme antinfortunistiche e di prevenzione degli incendi.

RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394