histats.com
martedì, Novembre 30, 2021
Pubblicità
HomeIn evidenzaL'Infermiere, il tossico e quell'Angelo custode.

L’Infermiere, il tossico e quell’Angelo custode.

Oggi presentiamo la storia di Riccardo, Paziente ex-tossico dipendente, salvato da un Infermiere in un anfratto del Gargano e da un presunto Angelo custode.

Il fatto è accaduto in una ridente cittadina Pugliese (sul Gargano) qualche tempo fa, ma è stato reso noto solo di recente dal collega Infermiere Andrea (nome di fantasia). Quest’ultimo è un operatore del Servizio 118 dell’ASL di Foggia.

Tutto è accaduto all’imbrunire di una giornata uggiosa. Alle 18.30 di sera un signore anziano, ben vestito e con occhiali da sole ha bussato alla porta dell’ambulanza del 118: “laggiù nel bosco, in un anfratto, ho sentito dei lamenti, probabilmente qualcuno sta male”.

L’autista si è girato, ha riferito il tutto all’Infermiere e al Soccorritore, nel frattempo intenti a ripristinare i presidi medicali in ambulanza, e si è girato di scatto per chiedere le generalità dell’anziano figuro. L’uomo era sparito nel nulla. I tre sono scesi dal mezzo per cercarlo, ma di lui nessuna traccia.

A quel punto hanno allertato la centrale operativa e si sono diretti verso il luogo descritto dallo strano individuo. Team leader del gruppo l’Infermiere Andrea, con un passato da speleologo e di sport agonistico.

Giunti sul posto hanno proseguito lungo uno stretto viottolo tra arbusti e alberi. Dopo 500 metri circa hanno notato uno spiazzale e dietro una roccia un cappuccio grigio con una mano alzata.

“Ho capito subito cosa era accaduto, quell’area era utilizzata da tossicodipendenti per iniettarsi sostanze stupefacenti – ci spiega Andrea – infatti abbiamo trovato Riccardo (nome di fantasia), un noto giovane imprenditore di un paese vicino, che era andato in over-dose di eroina; non era cosciente, lo abbiamo trattato sul posto e subito portato al più vicino ospedale; dopo qualche ora di Pronto Soccorso e ulteriori trattamenti per scongiurare il peggio, l’uomo si è ripreso e ha chiesto di tornare a casa; così è stato. Poi l’ho rincontrato a distanza di qualche tempo, ci ha ringraziati tutti e ci ha chiesto di un uomo strano che gli carezzava la testa, un anziano vestito di tutto punto, che non poteva essere là in quel momento; sembrava suo nonno materno, ma era deceduto 20 anni prima”.

E’ una storia a lieto fine che miscela la professionalità degli uomini del Servizio 118, con presunte presenze mistiche tutte da accertare.

Oggi Riccardo, per finire, si è ripulito dal suo vizio e ha fondato assieme ad altri amici una associazione che in Italia si occupa di tossicodipendente e aiuti agli indigenti.

Tutto è bene ciò che finisce bene.

Dott. Angelo Riky Del Vecchiohttp://www.angelorikydelvecchio.it
Nato in Puglia, vive e lavora in Puglia, Giornalista, Infermiere e Scrittore. Già direttore responsabile di Nurse24.it, attuale direttore responsabile del quotidiano sanitario nazionale AssoCareNews.it. Ha al suo attivo oltre 15.000 articoli pubblicati su varie testate e 18 volumi editi in cartaceo e in digitale.
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394