histats.com
giovedì, Agosto 18, 2022
HomeIn evidenzaFP Cgil: al Papardo di Messina mancano Infermieri e personale di supporto....

FP Cgil: al Papardo di Messina mancano Infermieri e personale di supporto. Ormai i lavoratori sono allo stremo.

Pubblicità

L’assenza ormai cronica di personale presso l’Azienda Ospedaliera “Papardo” di Messina sta mettendo a dura prova Infermieri e personale di supporto. Protesta la Fp Cgil.

In una nota la FP Cgil di Messina bacchetta il Direttore Generale dell’Ospedale “Papardo” per non aver voluto/saputo far fronte alla cronica mancanza di Infermieri, personale di supporto e altri professionisti sanitari. Lo fa con una dura nota fatta pervenire anche agli organi di informazione.

Ecco il Comunicato, piuttosto chiaro, della FP CGIL messinese.

Nell’ormai consolidato atteggiamento, irriguardoso, assunto da questa Direzione Generale, di non rispondere alle nostre missive e segnalazioni, le criticità aumentano e si cronicizzano!

Non riusciamo più a stare dietro ai lavoratori che giustamente si rivolgono a noi per trovare spiragli di speranza, provenienti da tutti i reparti.

In Ginecologia gli infermieri devono garantire l’assistenza su più “postazioni”, ivi compresa l’assistenza COVID, anche su piani diversi, e spesso sono soli, senza neanche un OSS che magari è presente solo sulla carta, stante i continui spostamenti in corso d’opera per coprire altre carenze; gli ausiliari vengono chiamati ovunque, sguarnendo il reparto stesso. Il servizio assistenziale fornito non potrà mai essere di eccellente livello ed il rischio clinico aumenta esponenzialmente.

Nel DH di Ematologia, dove insiste una mole di lavoro facilmente desumibile e dove il rischio clinico è altissimo in caso di “errori”, il personale è ridotto al lumicino, essendo in atto rimaste 2 unità e con le ferie da fruire. Va da se che eventuali eventi avversi saranno dalla scrivente attenzionati e denunciati a tutela sia dei pazienti che dei professionisti, su cui non possono certo ricadere le responsabilità organizzative.

In sala operatoria la situazione è rovente, e ci viene riferito anche di continue discussioni dai toni accesi che sono un campanello d’allarme che un Direttore non può far finta di non ascoltare, perché lo conosce bene in quanto da noi segnalato e non riscontrato.

In Neurochirurgia si ricovera oltre la capienza dei posti letto, senza contestuale aumento della forza lavoro e identica situazione si registra in Urologia.

In Neurologia ed Ortopedia, reparti ad altissima difficoltà assistenziale stante la quasi totale dipendenza dei pazienti ivi ricoverati, l’organico non è assolutamente congruo.

I reparti COVID sono una sorta di Bancomat, che si riempie e si svuota in funzione dell’andamento dei contagi, utilizzando e riciclando lo stesso personale, in quello che abbiamo definito “il cilindro del prestigiatore”, che cerca di barcamenarsi per inventarsi soluzioni anche quando non esistono (grande plauso per l’indiscussa capacità).

In Medicina, reparto che storicamente annovera pazienti totalmente dipendenti, analoghe criticità riguardano la dotazione asfittica.

Discorso a parte merita la mancata nomina di Coordinatori nelle varie UU.OO. ormai insostenibile, perché riteniamo poco dignitoso che vi siano delle persone individuate (con quale criterio?) e che comunque svolgono il ruolo senza alcun riconoscimento economico.

Alla luce delle sopra evidenziate criticità, corrisponde il colpevole silenzio di questa direzione, la quale glissa sulla nostra richiesta di conoscere l’entità di massa finanziaria effettivamente usata per assumere personale, unica soluzione per colmare le carenze.

Identico silenzio sulla convocazione per riconoscere diritti contrattuali ad oggi negati (PEO, PEV, Produttività, Incarichi, ecc).

Ci chiediamo, ma una soluzione ed una risposta ai lavoratori verrà mai data? Ricordiamo che sono gli stessi lavoratori che Lei ha elogiato in tempi di pandemia e che oggi mortifica col Suo silenzio assordante! Le ricordiamo che nel CCNL sono dettate le norme per una collaborazione proficua e costruttiva e che le stesse prevedono diritti e doveri sia per la parte sindacale che per quella manageriale e fra queste la più importante è la COMUNICAZIONE. Tanto dovevasi nel rispetto del nostro indiscutibile ruolo di rappresentanti dei lavoratori.

FP CGIL – Messina

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394