histats.com
Home Pazienti Alimentazione Dallo studio del tartaro degli uomini paleolitici la ricostruzione del loro stile...

Dallo studio del tartaro degli uomini paleolitici la ricostruzione del loro stile di vita. Scoperte a Grotta Paglicci.

Pubblicità

Qual era lo stile di vita degli antichi Paleolitici in Italia e in Europa. E’ stato possibile ricostruirlo grazie ad un attento studio portato a termine dai ricercatori dell’Università di Siena.

Il cranio della cosiddetta Donna di Grotta Paglicci.

Qual era lo stile di vita degli antichi Paleolitici in Italia e in Europa. E’ stato possibile ricostruirlo grazie ad un attento studio portato a termine dai ricercatori dell’Università di Siena. A quanto si è appreso la dieta dei cacciatori-raccoglitori del Gargano (e del resto della Penisola italica) testimonia l’evoluzione continuo del loro vivere quotidiano. L’analisi più importante è stata realizzata dal tartaro dentario. Un team di ricercatori ha identificato per la prima volta la correlazione tra il DNA dei micro-organismi presenti nell’uomo e lo stile di vita nelle popolazioni antiche.

L’attenta analisi di resti appartenuti a individui vissuti tra 31.000 e 11.000 anni prima di Cristo provenienti, fra gli altri, da Grotta Paglicci (Rignano Garganico, Foggia) – sito paleolitico tra i più importanti d’Europa – ha permesso di individuare residui di tartaro dentario, mentre lo studio multidisciplinare del sito ha permesso di ricostruire l’economia di sussistenza e lo stile di vita delle popolazioni di cacciatori-raccoglitori paleolitici vissuti sul Gargano. Lo studio, a cui ha preso parte anche l’Università di Siena, è stato pubblicato su «Nature Communications».

L’estrazione di DNA antico dal tartaro dentale di resti umani preistorici permette di identificare i microrganismi presenti all’interno del cavo orale dei nostri progenitori – il microbiota orale -, e ci aiuta a ripercorrere l’evoluzione dello stile di vita dei nostri antenati vissuti nel Sud Italia tra 31.000 e 2.200 a.C.

È la prima volta che una ricerca è stata in grado di evidenziare una corrispondenza tra microbioma e modo di vivere delle popolazioni umane antiche. Il risultato ottenuto dallo studio è stato adesso pubblicato sulla rivista «Nature Communications», in un articolo dal titolo Ancient oral microbiomes support gradual Neolithic dietary shifts towards agriculture.

Allo studio, coordinato dall’Università di Padova con Andrea Quagliariello, primo autore della pubblicazione, grazie al sostegno del programma STARS, e dall’Università di Firenze con Martina Lari, autore senior del lavoro, ha partecipato anche il team dell’Università di Siena, formato da Francesco Boschin, Stefano Ricci e Annamaria Ronchitelli del Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente (DSFTA), insieme a ricercatori delle università la “Sapienza” di Roma, Bologna e del Ministero della Cultura (MiC).

L’attenta analisi di resti appartenuti a individui vissuti tra 31.000 e 11.000 anni prima di Cristo ha permesso di individuare residui di tartaro dentario, mentre lo studio multidisciplinare del sito ha permesso di ricostruire l’economia di sussistenza e lo stile di vita delle popolazioni di cacciatori-raccoglitori paleolitici vissuti sul Gargano. Tra i resti umani analizzati figurano quelli provenienti da Grotta Paglicci (Rignano Garganico, Foggia), sito Paleolitico tra i più importanti d’Europa, dove le ricerche sono dirette dal DSFTA dell’Università di Siena.

L’attenta analisi di resti appartenuti a individui vissuti tra 31.000 e 11.000 anni prima di Cristo ha permesso di individuare residui di tartaro dentario, mentre lo studio multidisciplinare del sito ha permesso di ricostruire l’economia di sussistenza e lo stile di vita delle popolazioni di cacciatori-raccoglitori paleolitici vissuti sul Gargano. I gruppi di ricerca delle Università di Padova e Firenze hanno estratto e analizzato il DNA antico (microbioma) da 76 campioni di tartaro dentario provenienti, oltre che da Grotta Paglicci, anche da altri importanti siti dell’Italia peninsulare, questi ultimi abitati da popolazioni di agricoltori e pastori e riferibili a fasi più recenti della preistoria, quali il Neolitico (6.200-4.000 a.C.) e l’Età del Rame (3.500-2.200 a.C.).

Gli scienziati sono riusciti a ricostruire l’antico microbiota orale dei cacciatori-raccoglitori paleolitici e a confrontarlo con quello dei pastori-agricoltori delle stesse aree geografiche. Francesco Boschin e Stefano Ricci, del gruppo di ricerca dell’Università di Siena [da sinistra]. Secondo lo studio il microbiota orale – che gioca un ruolo fondamentale in numerosi processi fisiologici – varia in relazione ai cambiamenti nelle strategie di sopravvivenza: la composizione batterica, infatti, si adatta in maniera graduale e progressiva al nuovo sistema di sussistenza agricolo.

I ricercatori hanno individuato due fasi, entrambe risalenti al Neolitico. Un primo cambiamento si registra tra il 6.200 e il 5.000 a.C., nei primi secoli della transizione all’agricoltura: numerose nuove specie di batteri popolano il microbiota orale e sono le stesse che oggi si ritengono responsabili di patologie orali e autoimmuni. In questo arco temporale, il microbiota dei primi agricoltori mantiene molti aspetti del microbiota delle comunità di cacciatori-raccoglitori paleolitici, ma presenta alcune specificità differenti.

La seconda fase di sviluppo, con differenze molto marcate rispetto alle comunità paleolitiche, inizia nella seconda metà del Neolitico (4.500-3.500): le nuove specie di batteri nella cavità orale dei nostri antenati diventano preminenti, mentre quelle presenti nei campioni paleolitici tendono quasi a scomparire.

Per seguire l’intero studio è possibile visualizzarlo in inglese cliccando QUI.

Per saperne di più: Quagliariello, A., Modi, A., Innocenti, G. et al., Ancient oral microbiomes support gradual Neolithic dietary shifts towards agriculture. Nat Commun 13, 6927 (2022). LINK Fonte: Università di Siena.

Leggi anche:

Culture. Il colore del Paleolitico di Grotta Paglicci: artisti preistorici a confronto.

Cani domestici? I primi ritrovamenti nei siti preistorici di Grotta Paglicci e Grotta Romanelli.

Quando la Preistoria si fa storia.

Infermieri e assistenza sanitaria: dalla preistoria ai tempi moderni.

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394