Ostetrica licenziata perché non vaccinata: ora tocca a Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari?
Ostetrica licenziata perché non vaccinata: ora tocca a Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari?
Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Arriva il vaccino in USA. Azienda Americana inizierà a produrlo. Presto somministrato sull’uomo.

La società di biotecnologie Moderna Inc. di Cambridge (Stati Uniti ‘America) ha annunciato poco fa che passerà a breve alla sperimentazione di Fase 2 del proprio promettente vaccino anti-Covid-19.

Nelle scorse ore ha depositato la richiesta alla Food and Drug Administration (FDA), l’ente americano che si occupa della regolamentazione di farmaci, alimenti e terapie sperimentali. La risposta dovrebbe arrivare fra non molto, dato che l’avvio di questo delicatissimo passaggio, previo superamento della Fase 1, è atteso entro il secondo trimestre (non oltre giugno) di quest’anno. Ne dà notizia Fanpage.

Moderna Inc., che ha messo a punto la preparazione in collaborazione con i National Institutes of Health (NIH), è stata la prima azienda ad avviare la sperimentazione clinica (sull’uomo) di un vaccino candidato anti coronavirus. La prima iniezione è stata eseguita presso il Kaiser Permanente Washington Research Institute di Seattle lo scorso 16 marzo, sulla manager di 43 anni Jennifer Haller. La donna, madre di due adolescenti, ha recentemente annunciato di sentirsi benissimo, e di aver sperimentato solo un po’ di febbre il primo giorno e dolore al braccio nel secondo, come per un “normale vaccino antinfluenzale”. La Haller è stata selezionata da Moderna Inc. assieme ad altri 44 adulti sani di età compresa tra i 18 e i 55 anni, sottoposti a tre dosi crescenti della preparazione (25 µg, 100 µg e 250 µg). Nello studio verranno incluse altre coorti composte da volontari con età compresa tra i 56 e i 70 anni e oltre i 71 anni.

Tutto ciò mentre in Inghilterra sara la AstraZeneca a produrre il vaccino anti-Covid dell’Università di Oxford e del Jennifer Institute.

Sarà la multinazionale AstraZeneca a produrre e distribuire in tutto il mondo il vaccino per il Covid-19 dell’università di Oxford e del suo Jenner Institute. A renderlo noto, la stessa azienda che ha sede a Cambridge e sarà responsabile di sviluppo, produzione e distribuzione del vaccino.

La AstraZeneca non ha fornito dettagli su quando comincerà la produzione. “Un vaccino è urgente”, ha detto il Ceo, Pascal Sorio, in una nota.

“La nostra speranza è che, unendo le forze, possiamo accelerare la globalizzazione del vaccino e proteggere le persone dalla pandemia più mortale di questa generazione. L’accordo che abbiamo con il governo prevede la fornitura del vaccino a prezzo di costo”.