Pubblicità

Antonio Squarcella, segretario regionale del sindacato SHC OSS, chiede lo scorrimento immediato della graduatoria del mega-Concorso per Operatori Socio Sanitari a Foggia e in Puglia.

Il sindacato SHC OSS della Puglia scende in campo per chiedere l’immediato scorrimento della graduatoria del Mega-Concorso per Operatori Socio Sanitari. Lo fa con una missiva siglata dal segretario regionale Antonio Squarcella. Ecco cosa dice.

La nota di Antonio Squarcella (SHC OSS).

Come O.S. di categoria OSS vogliamo stigmatizzare la contingenza attuale che vede coinvolti gli Operatori Socio Sanitari vincitori ed idonei del “Maxi Concorso Pugliese del O.O.R.R. di Foggia”. Codesta O.S. valuta lʼimportanza di implementare la richiesta da parte delle province del Fabbisogno in modo che si impegnino a presentare tale istanza.

Inoltre si vuol comprendere se ci sono i termini per far si che altre regioni attingano da codesta graduatoria come si era dichiarato in diverse occasioni.

Ripercorrendo le varie realtà, nel periodo procedurale di determina della graduatoria finale ed al periodo di forte emergenza sanitaria da Covid-19, sono state implementate ulteriori assunzioni attraverso lʼutilizzo delle Agenzie Interinali sul reclutamento di Oss sostanzialmente per il periodo emergenziale con contratti in somministrazione e che nonostante vi sia deliberata la graduatoria finale vengono ancora oggi sopraggiunti ulteriori rinnovi contrattuali.

Senza dimenticare lʼAvviso Pubblico ASL BT che vede una scadenza contrattuale al 31 gennaio 2021 con clausola di rescissione di anticipo del termine fissato nelle more di perfezionamento delle procedure assuntive a tempo indeterminato.

Identica situazione con le varie Asl Lecce e Taranto con le stesse modalità di assunzione di Oss per lʼemergenza Covid-19 con proroghe ad oltranza, addirittura in via di arrivo nel mese di marzo 2021.

A seguito a ciò codesta O.S. vuol assurgere da quelle che sono le attuali procedure applicate al contesto per mitigare a far presente inoltre che lʼart. 25- Disposizioni in materia di procedure concorsuali indica che al fine di semplificare le procedure concorsuali, ridurne i tempi di svolgimento e tutelare la salute dei candidati e del personale preposto alla organizzazione e allo svolgimento delle relative procedure, al decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, sono apportate le seguenti modificazioni:

  • allʼarticolo 247, comma 1, primo periodo, le parole da «In via sperimentale», a «da
    COVID-19» sono sostituite dalle seguenti: «Nel rispetto delle condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti di lavoro»;
  • allʼarticolo 249, comma 1, primo periodo, le parole «e fino al 31 dicembre 2020» sono soppresse;
  • allʼarticolo 250, comma 4, il terzo periodo eʼ sostituito dal seguente: «Ferma restando lʼassunzione dei vincitori dei concorsi già autorizzati a qualsiasi titolo alla data di entrata in vigore del presente decreto, le amministrazioni possono procedere a bandire nuovi concorsi solo previo completo assorbimento degli iscritti al predetto elenco.»

Si vuol rivendicare lʼart. 97, (comma terzo della Costituzione) che dettagliatamente implementa “Agli impieghi nelle Pubbliche Amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge”.

Per tali ragioni viene indetto lo stato di agitazione degli Operatori Socio Sanitari vincitori ed idonei del Maxi Concorso di Foggia per rivalersi a tali principi di legittimità.

Antonio Squarcella, segretario regionale SHC OSS Puglia