Pubblicità

I miracoli dello Zingiber officinale: ovvero della Radice dello Zenzero. Proprietà, benefici, controindicazioni e uso corretto.

E’ una radice dalle proprietà quasi “miracolose”, lo Zenzero (il cui nome scientifico è Zingiber officinale – ci spiegano da Zenzero.info) appartiene alla famiglia delle piante erbacee dette Zingiberacee, piante Angiosperme che comprendono circa 52 generi e più di 1300 specie. Molte di queste piante – tra cui figura anche il Cardamomo, molto in uso in cucina e non solo – hanno proprietà interessanti non solo per quel che riguarda la cucina ma anche dal punto di vista officinale e medicinale.

Le Zingiberacee a cui appartiene e fa riferimento anche lo Zenzero (nell’immagine in alto di iStock Photo) hanno tutte un portamento di tipo erbaceo: si tratta per lo più di piante irregolari, con rizoma e fusto sotterraneo e ramificato. A questo tipo di piante appartengono diverse specie dalle proprietà molto interessanti, che vedremo di seguito.

In particolare, lo Zenzero – che conosciamo anche grazie alla cucina giapponese, in quanto utilizzato ed offerto nei ristoranti giapponesi alla fine di un piatto a base di pesce per “eliminare il sapore forte” rilasciato – è una radice che viene molto utilizzata, in cucina sotto forma di spezia e come condimento in molte ricette.

In natura, esso si trova per lo più nelle zone tropicali e subtropicali dell’Estremo Oriente, e sebbene i suoi usi oggi siano largamente noti in cucina, sono diverse le culture e le popolazioni orientali e non solo che hanno fatto uso di questa radice per motivazioni largamente mediche, come trattamento e cura per diarrea, nausea, ed altre problematiche.

Le proprietà dello Zenzero.

Lo Zenzero – ci spiegano da Cure-Naturali.it – viene usato come antinfiammatorio naturale e digestivo ed è tra i più efficaci medicinali antinausea e antivertigine. Con lo zenzero si possono trattare disturbi come il mal d’auto, il mal di mare, la nausea mattutina.

Le sue proprietà antiemetiche sembrano risiedere in effetti locali sulle pareti dello stomaco e dell’intestino. I principi attivi della pianta si concentrano tutti nella sua radice: sostanze non volatili, come i gingeroli, resine e mucillagini.

Nella medicina tradizionale dell’Estremo Oriente, lo zenzero è impiegato nel trattamento dell’osteoartrite, dell’influenza, come stimolante del cuore, come protettivo della mucosa gastrica.

Grazie alle sue proprietà antibiotiche, lo zenzero è un valido alleato di stomaco, intestino, cuore e apparato circolatorio.

Anche l’olio essenziale di zenzero è ricco di importanti proprietà. Infatti è antinausea, tonificante, antidolorifico, digestivo, antivirale e afrodisiaco.

Lo Zenzero è utile anche contro l’alitosi: può essere d’aiuto, infatti, sorseggiare acqua calda bollita per 10 minuti con zenzero fresco, un rimedio che favorisce la digestione e contrasta l’accumulo di tossine e la fermentazione batterica.

Quante Calorie ha lo Zenzero e quali sono i suoi valori nutrizionali?

100 g di Zenzero fresco contengono 80 KCal, e:

  • Proteine 1,82 g;
  • Carboidrati 17,77 g;
  • Zuccheri 1,7 g;
  • Grassi 0,75 g;
  • Colesterolo 0 mg;
  • Fibra alimentare 2 g;
  • Sodio 13 mg.

Lo Zenzero è controindicato in gravidanza e durante l’assunzione di antinfiamamtori o antiaggreganti piastrinici.

L’uso dello zenzero dovrebbe essere soggetto a consulto medico nei seguenti casi:

  1. gravidanza e allattamento;
  2. se si assumono farmaci antinfiammatori;
  3. se si assumonofarmaci antiaggreganti e anticoagulanti (come la cardioaspirana) a causa dell’effetto fluidificante dello Zenzero.

L’assunzione va completamente evitate in caso di allergia nota verso una o più componenti e le dosi limitate perché un eccesso di zenzero può provocare gastrite e ulcere.

Leggi anche:

Fitfood: zenzero, nemico o alleato?