Pubblicità

Per chi li ha assaggiati sono una figata pazzesca. I Nutella Biscuits sono andati a ruba e sono diventati una “droga” per tanti. Provocano dipendenza ed eccesso di consumo.

Sarà stata una trovata pubblicitaria ben riuscita o la vendita che andata contro ogni rosea previsione. Fatto sta i Nutella Buscuits non si trovano più in commercio e in molti parlano di vera e propria “dipendenza” da questi dolci appena usciti sul mercato. Da qualche giorno sono introvabili, eppure sono giunti in Itala appena un mese fa.

Mangiarne tanti va male, il giusto però fa bene al palato e all’umore.

“È un prodotto che ha superato le previsioni — ha detto Giorgio Santambrogio, presidente di Distribuzione Moderna Adm — la capacità produttiva non riesce a stare dietro alla produzione. Sono convinto che non sia una precisa strategia di marketing perché non conviene all’azienda, dato che creerebbe tensioni con la rete dei punti vendita, e produrrebbe solo un danno all’azienda. Quello che stanno cercando di fare è quello di arrivare all’80% della ponderata (30 mila punti vendita). È sicuro che non sia una strategia deliberata perché ci sono molti retail che lamentano”.

Dal lancio del prodotto alla commercializzazione vera e propria sono passati diversi mesi, ora che sono giunti sul mercato sono già finiti?

Vietati ai diabetici.

Santambrogio, per finire, ha ricordato “che i biscotti della Nutella vanno mangiati con ponderatezza”. In altre parole devono proprio evitarli i diabetici e chi ha problemi di colesterolo.