Pausa Caffè: 5 modi per smaltire le calorie lavorando!

5 modi di smaltire le calorie direttamente sul lavoro!
5 modi di smaltire le calorie direttamente sul lavoro!

Lo speciale pasquale di Assocarenews.it non poteva che essere un appuntamento con Pausa Caffè, la rubrica di cui vergognarsi ma che non possiamo fare a meno di pubblicare.

Tra cioccolate e pastiere, fritti di ogni genere, pasta al forno e grigliate del lunedì dell’Angelo, la nostra alimentazione è stata messa a durissima prova. Milioni di chilocalorie da smaltire!

E mentre l’Italia sorseggia digestivi o sciroppi contro la gastrite mi dispiace dover rompere le uova nel paniere ma tra due mesi inizia il tempo della prova costume. Già.

Sessanta giorni, 8 settimane. Spera soltanto di non avere compleanni, comunioni, matrimoni primaverili, occasioni di ogni tipo che potrebbero caloricamente intralciare la tua prossima dieta.

Per fortuna le milioni di chilocalorie appena assunte possono essere in parte smaltite anche a lavoro, proprio durante il turno.

Ecco quindi 5 modi per bruciare calorie semplicemente presentandosi a lavoro! 

Campanello senza fine

Iniziamo da un grande glassico: il campanello della stessa stanza, dello stesso degente, che suona ogni 5 minuti. Vi permetterà di percorrere i chilometri, a che servono i tapis roulant?

Sebbene sia un evento classico, esso riesce a declinarsi in base a diversi fattori: ansia dello scampanellante, necessità di servigi e riverenze, contatti elettrici sballati (fidatevi, è successo).

E’ anche un buon momento da convidivere all’interno del team multiprofessionale per una sessione di jogging collettiva! 

Arrivo di ordini da mettere a posto

Altro super classico.

Che arrivi l’ordine dalla farmacia, che arrivi biancheria pulita, che arrivi il materasso antidecubito: tu sii sempre in prima linea. Questi esercizi scomposti di sollevamento pesi sono indicati sopratutto per i maschietti, desiderosi di gonfiarsi i muscoli in vista della spiaggia.

Carrozzine e ruote sgonfie

Questo metodo invece richiede qualche attenzione in più. La tecnica si basa sullo sgonfiare le ruote delle carrozzine, che oltre ad essere un sabotaggio assistenziale rappresenta anche un ottimo modo di farsi una bella sudata mentre si muovono gli assistiti non in grado di camminare. In moltissimi servizi è direttamente l’organizzazione a provvedere grazie a un servizio di manutenzione inefficiente. Il tutto per la salute e la linea dei dipendenti, ovviamente!

Chiariamoci, non vi stiamo dicendo di bucare le ruote del paziente antipatico, ma se lo farete dimagrirete.

A voi la scelta. 

Lavaggi vescicali

L’estate si avvicina e se non volete passarla al bar con il pareo occorre farsi subito (!!!) spostare nelle degenze urologiche. Una volta qui sarete sottoposti a esercizio continuo di sollevamento di sacche per lavaggi vescicali. Esatto signore e signori, parliamo di sacche da 5 litri da sballare, mettere su carrelli e infine issare su aste.

Piangerete più che all’alzabandiera, ma non per commozione patriottica.

Infusione senza fine

Questo esercizio nasce dal Campanello senza fine ma si è sviluppato in epoche recenti. Le possibilità sono due e basta nominarle per comprendere: pompa infusionale ipersensibile o infusione di albumina.

Partendo dalla seconda…che dire? Leggendo la prescrizione già si preallerta il coordinatore dello straordinario che stiamo per fare. Ci sono tecniche di utilizzo di aghi e giochi di deflussore ma alla fine decide lei. E se decide di non scendere, non scenderà.

Le pompe infusionali invece sono di due tipi: o eccezionalmente funzionali o ipersensibili. Nel secondo caso il suono dell’allarme infusione vi rimarrà in testa per mesi.

L’infusione senza fine, nelle sue due versioni principali, fornisce ottimi momenti di sport, prima, e di psicanalisi, dopo.

Guardiamo il lato positivo: Sarete i pazienti più magri dello psicoterapeuta!

Quali altri modi conosci per smaltire le abbuffate di questi giorni?

Potrebbe interessarti...