histats.com
domenica, Novembre 28, 2021
Pubblicità
HomeIn evidenzaOggi la "33esima Giornata Mondiale senza tabacco", oltre 10 milioni gli italiani...

Oggi la “33esima Giornata Mondiale senza tabacco”, oltre 10 milioni gli italiani che attualmente fumano.

…e il 35% ha provato a smettere almeno 1 volta ma senza successo (perché solo 1 su 10 ce la fa).

Chi incomincia (under 17), chi prova a smettere (35%) e chi ci è riuscito (6,3 milioni), ma è sempre molto alto il numero (1) dei fumatori in Italia. L’edizione di quest’anno della Giornata Mondiale senza tabacco è dedicata a quanti vorrebbero smettere di fumare ma sono sprovvisti degli strumenti adeguati e sufficienti ad affrontare questo percorso. L’Associazione Respiriamo Insieme-APS raccoglie esperti medici e Istituzioni per un incontro sulle problematiche fumo-correlate in presenza di una patologia cronica e lancia un contest under 25 per disincentivare i giovani a questa dipendenza

Solo in Italia, muoiono 90mila persone ogni anno a causa del fumo, e di questi 1 su 4 ha meno di 65 anni a causa delle patologie collegate al tabacco (a partire dai tumori, malattie respiratorie e cardiovascolari). In prima linea, nell’intento di sensibilizzare la popolazione sugli effetti dannosi del fumo, l’Associazione Respiriamo Insieme-APS rinnova l’impegno promuovendo nel corso della Giornata Mondiale senza tabacco (31 maggio, ore 18:00 sui canali youtube e facebook di RespiriamoInsieme), un incontro live streaming con esperti medico-scientifico e rappresentanti delle istituzioni.

“Anche la nostra associazione si sta battendo per ottenere l’aumento del costo delle sigarette (normali ed elettroniche), del tabacco riscaldato e di altri prodotti considerati “light”. Si tratta di una misura che riteniamo necessaria e urgente – precisa Simona BARBAGLIA, Presidente dell’Associazione Respiriamo Insieme-APS – per mitigare l’impatto delle malattie fumo-correlate. Continua la nostra azione per mobilizzare le risorse utili a promuovere campagne nazionali di sensibilizzazione e per rispondere alle esigenze dei fumatori nella lotta alla dipendenza oltre a potenziare, con il personale sanitario e socio-sanitario, i servizi offerti dai centri pneumologici a favore dei malati con patologia respiratoria cronica aggravata dal fumo. Un’attenzione speciale quest’anno l’abbiamo riservata ai più giovani, dedicando un nuovo contest per sensibilizzare ad “un mondo o un giorno senza tabacco” tema della giornata.

QUANTI SONO I FUMATORI, GLI EX, I NEW ENTRY

Sono oltre 10 milioni (11,6) le persone che in Italia fumano, divisi tra 7,1 milioni di uomini e 4,5 di donne, con una media di 10-19 sigarette al giorno per il 42,8%. Ad aver smesso sono 6,3 milioni, mentre chi comincia a fumare ha un’età compresa tra i 15 e 17 anni (1)

“È in questa fascia di età che il nostro apparato respiratorio è ancora in formazione e l’albero bronchiale in particolare non è ancora completamente sviluppato, essendo le ramificazioni bronchiali ancora in numero ridotto rispetto a quello della maturità dell’apparato respiratorio che si raggiunge in entrambi i sessi dopo i 20 anni. Il fumo quindi – spiega Gianna CAMICIOTTOLI, Coordinatore del Comitato Scientifico dell’Associazione Respiriamo Insieme-APS, Professore Associato Università di Firenze, Responsabile Unit Asma Grave Ospedale Universitario Careggi di Firenze – è un’importante causa di ridotta funzione polmonare permanente proprio per questo effetto di riduzione e/o arresto dello sviluppo completo dell’albero bronchiale.

Il fumo agisce anche sulle pareti bronchiali creando un’infiammazione con caratteristiche tipiche, che comporta ispessimento delle pareti del bronco e aumento del numero e della funzione delle cellule mucipare. Inoltre il fumo riduce o azzera le capacità difensive dei bronchi e favorisce quindi il ristagno di secrezioni bronchiali, agendo inoltre sul parenchima polmonare con effetti di tipo destruente soprattutto sulle fibre elastiche causando vere e proprie perdite di tessuto a configurare il quadro noto come enfisema polmonare”.

UNA DIPENDENZA DIFFICILE DA SUPERARE (COMPRESI I TENTATIVI)

Smettere di fumare risulta difficile. Si stima infatti che almeno il 35% degli italiani (1) ha provato a smettere di fumare almeno una volta, ma di questi solo una bassa quota, meno del 10%, raggiunge l’obiettivo e riferisce di avere smesso di fumare da più di 6 mesi.

“Fumare determina tre tipi di dipendenze che devono essere affrontate in modo diverso. La prima è quella fisica causata dalla nicotina. La seconda è quella comportamentale legata alle abitudini, ai gesti e ai rituali associati alla sigaretta. Infine quella psicologica dovuta al fatto che fumare aiuta a regolare ansia e a creare piacere, fornendo una sensazione di controllo sugli eventi esterni e su sé stessi, rendendo più agevole il contatto sociale. In chi soffre di una patologia respiratoria cronica, – si inserisce Ilaria BAIARDINI, Psicologa e Psicoterapeuta, – la sigaretta può diventare una strategia disfunzionale per gestire le difficoltà e le emozioni connesse alla malattia. Fumare, in questi pazienti, assume quindi un’ulteriore valenza negativa, in quanto non solo danneggia la salute, ma ostacola il processo di adattamento alla malattia”

FUMO: CAUSA BPCO, AGGRAVA L’ASMA E CONTRASTA L’EFFICACIA DELLE TERAPIE

Il fumo di sigaretta è la causa principale dell’insorgenza della BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva), una condizione patologica dell’apparato respiratorio caratterizzata dalla comparsa di tosse, espettorazione e fatica respiratoria. Sebbene tutti i fumatori, con il tempo, avranno modo di assistere all’insorgenza di sintomi come tosse ed espettorazione, si stima che il 15-50% dei fumatori sviluppi questa patologia nel corso della vita. Il rischio di sviluppare la BPCO è, inoltre, maggiore in coloro che iniziano a fumare da giovani poiché, in questo caso, viene compromesso lo sviluppo polmonare.

“Il fumo peggiora il controllo dell’asma bronchiale. Basti pensare che il cardine della terapia dell’asma bronchiale, in tutti i suoi possibili step di gravità (2), è l’antiinfiammatorio assunto per via inalatoria e che la maggior parte dei composti aspirati con il fumo di sigaretta – conclude CAMICIOTTOLI – ha un elevato potere infiammatorio. Inoltre alcuni di questi composti si legano sulla superficie bronchiale agli stessi recettori dove si legano i farmaci antiasmatici contrastandone cosi pesantemente l’efficacia”

UN CONTEST PER IMMAGINARE UN GIORNO SENZA TABACCO

Continuano le proposte dell’Associazione Respiriamo Insieme-APS rivolte a sensibilizzare le problematiche fumo-correlate in presenza di una patologia respiratoria.

Di nuovo al centro i giovani under 25 che potranno partecipare al contest dal nome evocativo AsmART Attack, in cui viene richiesto uno sforzo creativo di rappresentazione di un giorno o una vita senza tabacco. Basterà inviare un’opera e votare le opere preferite (seguendo il link sarà possibile visualizzare tutti i dettagli del contest). I vincitori verranno premiati il 31 maggio 2021, nel corso di una diretta streaming organizzata da Respiriamo insieme in contemporanea sui canali Facebook e Youtube dell’Associazione.

(1) Indagine PASSI, triennio 2014-2017
(2) Documento GINA 2021

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394