histats.com
lunedì, Giugno 21, 2021
Pubblicità
HomePrimo PianoPazientiCiclo Mestruale: capire come funziona aiuta a gestirlo meglio.

Ciclo Mestruale: capire come funziona aiuta a gestirlo meglio.

Capire come funzionano le mestruazioni può aiutarti a capire come funziona il tuo ciclo.

Il tuo ciclo mestruale fa parte del modo in cui il tuo corpo si prepara a una possibile gravidanza ogni mese. Capire come funziona il processo è importante, poiché puoi utilizzare queste informazioni per aiutare a rimanere incinta o evitare di rimanere incinta, per gestire meglio i sintomi mestruali che stai riscontrando e capire quando potrebbe esserci un problema.

Che cosa sono le mestruazioni?

Le mestruazioni sono il termine tecnico per indicare il ciclo. Circa una volta al mese, le donne che hanno attraversato la pubertà sperimenteranno sanguinamento mestruale.

Ciò accade perché il rivestimento dell’utero si è preparato per una possibile gravidanza diventando più spesso e più ricco di vasi sanguigni. Se la gravidanza non si verifica, questo rivestimento ispessito viene perso, accompagnato da sanguinamento.

Il sanguinamento di solito dura 3-8 giorni. Per la maggior parte delle donne, le mestruazioni avvengono in uno schema abbastanza regolare e prevedibile. Il periodo di tempo dal primo giorno di un periodo al primo giorno del periodo successivo varia normalmente da 21 a 35 giorni.

Come funziona il ciclo mestruale?

Il ciclo mestruale è controllato da una complessa orchestra di ormoni, prodotta da due strutture nel cervello, la ghiandola pituitaria e l’ipotalamo insieme alle ovaie.

Se desideri solo una rapida panoramica generale del ciclo mestruale, leggi questa descrizione.

Panoramica generale del ciclo mestruale.

Il ciclo mestruale comprende diverse fasi. La tempistica esatta delle fasi del ciclo è leggermente diversa per ogni donna e può cambiare nel tempo.

Giorni di ciclo (approssimativi)

Eventi del ciclo mestruale

1-5° giorno

Il primo giorno di sanguinamento mestruale è considerato il giorno 1 del ciclo.

Il tuo periodo può durare da 3 a 8 giorni, ma 5 giorni è nella media.

Il sanguinamento è generalmente più intenso nei primi 2 giorni.

6-14° giorno

Una volta che l’emorragia si ferma, il rivestimento uterino (chiamato anche endometrio) inizia a prepararsi per la possibilità di una gravidanza.

Il rivestimento uterino diventa più spesso e arricchito di sangue e sostanze nutritive.

14-25° giorno

Da qualche parte intorno al giorno 14, un uovo viene rilasciato da una delle ovaie e inizia il suo viaggio lungo le tube di Falloppio fino all’utero.

Se lo sperma è presente nella tuba di Falloppio in questo momento, può verificarsi la fecondazione.

In questo caso l’ovulo fecondato viaggerà verso l’utero e tenterà di impiantarsi nella parete uterina.

25-28° giorno

Se l’uovo non è stato fecondato o l’impianto non si verifica, i cambiamenti ormonali segnalano all’utero di prepararsi a liberarsi del rivestimento e l’uovo si rompe e viene versato insieme al rivestimento.

Il ciclo ricomincia il primo giorno di sanguinamento mestruale.

Il ciclo mestruale ha tre fasi:

1. Fase follicolare (giorni 1-14).

Questa fase del ciclo mestruale si verifica dal giorno 1 al 14 circa. Il giorno 1 è il primo giorno di sanguinamento rosso vivo e la fine di questa fase è contrassegnata dall’ovulazione. Mentre il sanguinamento mestruale si verifica nella prima parte di questa fase, le ovaie si stanno contemporaneamente preparando a ovulare di nuovo. La ghiandola pituitaria (situata alla base del cervello) rilascia un ormone chiamato FSH – ormone follicolo stimolante. Questo ormone fa salire diversi “follicoli” sulla superficie dell’ovaio. Queste “protuberanze” piene di liquido contengono ciascuna un uovo. Alla fine, uno di questi follicoli diventa dominante e al suo interno sviluppa un singolo uovo maturo; gli altri follicoli si ritirano. Se più di un follicolo raggiunge la maturità, ciò può portare a gemelli o più. Il follicolo in maturazione produce l’ormone estrogeno, che aumenta durante la fase follicolare e raggiunge il picco nel giorno o due prima dell’ovulazione. Il rivestimento dell’utero (endometrio) diventa più spesso e più arricchito di sangue nella seconda parte di questa fase (dopo che le mestruazioni sono terminate), in risposta all’aumento dei livelli di estrogeni. Alti livelli di estrogeni stimolano la produzione dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH), che a sua volta stimola la ghiandola pituitaria a secernere l’ormone luteinizzante (LH). Intorno al giorno 12, picchi di LH e FSH provocano il rilascio dell’uovo dal follicolo. L’aumento dell’LH provoca anche un breve aumento del testosterone, che aumenta il desiderio sessuale, proprio nel momento più fertile del ciclo.

2. Fase ovulatoria (giorno 14).

Il rilascio dell’uovo maturo avviene intorno al giorno 14 a seguito di un aumento di LH e FSH rispetto al giorno precedente. Dopo il rilascio, l’uovo entra nella tuba di Falloppio dove può avvenire la fecondazione, se è presente lo sperma. Se l’uovo non viene fecondato, si disintegra dopo circa 24 ore. Una volta che l’uovo viene rilasciato, il follicolo si sigilla e questo viene chiamato corpo luteo.

3. Fase luteale (giorni 14-28).

Dopo il rilascio dell’uovo, i livelli di FSH e LH diminuiscono. Il corpo luteo produce progesterone. Se si è verificata la fecondazione, il corpo luteo continua a produrre progesterone che impedisce la perdita del rivestimento endometriale. Se la fecondazione non si è verificata, il corpo luteo si disintegra, il che fa diminuire i livelli di progesterone e segnala al rivestimento endometriale di iniziare a perdere.

Il sanguinamento “normale”.

Esiste una gamma di sanguinamento normale: alcune donne hanno periodi brevi e leggeri e altre hanno periodi più lunghi e pesanti. Il tuo periodo può anche cambiare nel tempo.

Il normale sanguinamento mestruale ha le seguenti caratteristiche:

  • il tuo ciclo dura 3-8 giorni;
  • le mestruazioni si ripetono ogni 21-35 giorni (misurate dal primo giorno di una mestruazione al primo giorno della successiva);
  • la perdita totale di sangue nel corso del periodo è di circa 2-3 cucchiai, ma le secrezioni di altri liquidi possono farla sembrare di più.

Come posso capire cosa sta succedendo nel mio ciclo? Quando sto ovulando?

Il semplice monitoraggio del ciclo su un calendario, insieme ad alcuni dettagli del sanguinamento e dei sintomi, può aiutarti a capire il tuo ciclo. Registra quando inizia e finisce il ciclo, come è stato il flusso e descrivi qualsiasi dolore o altri sintomi (gonfiore, dolore al seno, ecc.).

I cambiamenti di umore o comportamento che hai sperimentato. In diversi cicli sarai in grado di vedere i modelli nel tuo ciclo o identificare le irregolarità che si stanno verificando.

Usa il tuo calendario o diario mestruale. Ci sono anche numerose App disponibili per aiutarti a monitorare il tuo periodo. Se i tuoi periodi vengono regolarmente ogni 21-35 giorni, è molto probabile che tu stia ovulando.

Oltre al semplice monitoraggio del calendario, ci sono alcuni modi per calcolare i tempi del proprio ciclo mestruale personale.

Separatamente o usati insieme, possono essere usati per determinare quando e se stai ovulando. Tre metodi che puoi provare sono il test del muco cervicale, il monitoraggio della temperatura corporea basale e i kit di previsione dell’ovulazione.

Test del muco cervicale.

Cos’è il muco della cervice.

Le cellule che rivestono il canale cervicale secernono muco. La consistenza di questo muco cambia durante il ciclo. Quando sei fertile, il muco assume una consistenza e una struttura che consentono allo sperma di viaggiare verso il tuo uovo. Quando sarai più fertile sarà chiaro, abbondante ed elastico. Per darti un’idea della consistenza, questo tipo di muco fertile viene talvolta abbreviato in EWCM – muco cervicale bianco d’uovo. Quando non sei fertile, il muco è appiccicoso, torbido e non si allunga.

Come testare il muco cervicale.

Osservare i cambiamenti nella quantità e nella consistenza del muco cervicale può aiutarti a capire il tuo ciclo. Ecco come funziona: controlla le tue secrezioni prima e dopo la minzione strofinando con carta igienica. In alternativa puoi inserire un dito pulito nella tua vagina per ottenere un campione di muco. Osserva (e registra) la consistenza del muco e usa questo grafico per identificare dove ti trovi nel tuo ciclo. Il tuo muco può essere torbido, bianco, giallastro o chiaro. Può avere una consistenza appiccicosa o elastica. Usa il pollice e l’indice per vedere se il muco si allunga.

Tempi approssimativi del ciclo mestruale

Consistenza del muco

Fertilità

5° giorno

Nessun muco evidente

Non fertile

5-8° giorno

Nessun muco evidente

Non fertile

8-12° giorno

Secrezioni minime, torbide e appiccicose

Non fertile

13-15° giorno

Muco “bianco d’uovo” abbondante, chiaro, umido, elastico

Finestra fertile – Prima e durante l’ovulazione

16-28° giorno

Nessun muco evidente

Non fertile

Sei più fertile nei giorni in cui hai muco abbondante ed elastico. Questo non è un metodo infallibile per prevenire la gravidanza.

Temperatura corporea basale.

Cos’è?

La temperatura corporea basale è la temperatura corporea più bassa quando sei a riposo. In genere viene misurato dopo diverse ore di sonno. Non appena sei in piedi, la temperatura aumenta leggermente.

Come funziona il metodo della temperatura corporea basale per il monitoraggio della fertilità?

Questo metodo richiede alcuni mesi di monitoraggio quotidiano per stabilire i modelli specifici che si verificano nel tuo corpo. La temperatura corporea cambia leggermente in risposta ai cambiamenti ormonali legati all’ovulazione. Prima di ovulare, la temperatura corporea è solitamente compresa tra 36,2 ° C e 36,5 ° C. Il giorno dopo l’ovulazione, la temperatura aumenterà di almeno 0,5 ° C (da 36,7 ° C a 37,1 ° C per esempio) e rimarrà a questa temperatura fino alle mestruazioni. Per utilizzare questo metodo, misura e registra la tua temperatura corporea non appena ti svegli, dopo almeno 6 ore di sonno / riposo. Ciò significa misurare la temperatura prima di alzarti dal letto e prima di mangiare o bere qualcosa. Prendi la tua temperatura ogni giorno all’incirca alla stessa ora. Se ti piace dormire fino a tardi nel fine settimana potresti dover impostare una sveglia!

Avrai bisogno di uno speciale termometro per la “temperatura corporea basale”, disponibile nei negozi di droga. Alcuni termometri hanno una funzione di memoria che registra la lettura precedente in modo da non doverla registrare immediatamente. Vedrai l’aumento di mezzo grado della temperatura il giorno dopo l’ovulazione. Questo metodo ti aiuterà a determinare se stai ovulando, quanto è regolare il tuo ciclo e quanto è lungo il tuo ciclo.

Se la tua temperatura non cambia nel corso del ciclo e i tuoi periodi sono irregolari, è possibile che tu non stia ovulando. Puoi metterti in contatto con il tuo medico.

Kit di previsione dell’ovulazione.

I kit di previsione dell’ovulazione misurano la concentrazione dell’ormone luteinizzante (LH) nelle urine. Questo ormone è sempre presente in piccole quantità nelle urine, ma aumenta nelle 24-48 ore prima che si verifichi l’ovulazione. Kit più avanzati misurano anche l’estradiolo, una forma di estrogeni che raggiunge il picco il giorno dell’ovulazione. Le istruzioni variano da kit a kit, quindi leggere attentamente il foglietto illustrativo prima di utilizzarlo.

Leggi anche:

Calcolo giorni fertili: ecco a cosa occorre fare attenzione.

Ciclo mestruale. Fasi, come gestirlo, menarca. Tutto quel che c’è da sapere.

Perdite marroni (Spotting): prima, durante e dopo il ciclo mestruale. E in gravidanza.

Menarca: quando il primo periodo mestruale ti fa donna.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394