Dom. Lug 14th, 2024

Gli ospedali, di notte, sembrano scatole in cui sono intrappolati sciami di lucciole. L’atmosfera silenziosa e deserta è interrotta solo dai rumori di passi, letti che si spostano, e telefoni che squillano. Tuttavia, ci sono anche storie di presenze soprannaturali che sembrano aggirarsi tra le corsie, affascinando e spaventando infermieri e pazienti.

Storie di fantasmi negli ospedali

In Italia e nel mondo, numerosi ospedali sono stati teatro di episodi macabri e paranormali. Molti infermieri raccontano di aver visto apparizioni inquietanti, spettri che sembrano materializzarsi nei momenti più impensati. Questi fenomeni suscitano una curiosità mista a terrore, lasciando nei testimoni domande senza risposta.

Leeds, Gran Bretagna

Andrew Milburn, giovane dipendente dell’ospedale di Leeds, ha scattato una foto che ha fatto il giro del Web nel giugno 2015. Zoomando l’immagine, si nota quello che sembra il fantasma di una bambina in vestito, che si muove verso una stanza adiacente al reparto pediatria. Andrew ha giurato sull’autenticità della foto, dichiarando che molti colleghi ora sono terrorizzati dai rumori di passi che si sentono di notte quando l’ospedale è quasi deserto.

Ospedale Serristori, Figline Valdarno

Nella villa di S. Cerbone, ora ospedale Serristori, si dice che il fantasma della duchessa Veronica Cybo ancora si aggiri nei corridoi. Pazienti e personale hanno avvertito la sua presenza, soprattutto nei mesi estivi e subito dopo Natale. Si manifesta nell’ala dove si trovano gli uffici amministrativi.

Ospedale Cosma e Damiano, Pescia

Nel 2009, il personale della chirurgia di questo ospedale ha riferito di avvistamenti di una donna bionda vestita di bianco che si aggirava tra le stanze. Un paziente ha raccontato di aver visto lo spettro che gli ha chiesto come stava, prima di scomparire quando si è voltato per chiamare le infermiere. Alcuni credono sia lo spirito di una paziente inglese morta in ospedale dopo diverse operazioni, mentre altri parlano di chiamate al campanello da stanze vuote.

Ospedale psichiatrico di Aguscello, Ferrara

In questa struttura fatiscente, si narra la storia di Filippo Erni, un bambino ospite del sanatorio che avrebbe ucciso alcuni suoi compagni e poi si sarebbe suicidato gettandosi dalla finestra. Testimoni riferiscono di aver visto un bambino biondo, di circa 12 anni, aggirarsi per le stanze e i cortili dell’ospedale.

Definizioni e credenze

I fenomeni paranormali negli ospedali suscitano domande sulla natura delle apparizioni:

  • Fantasma: Anima consapevole di una persona, manifestazione di energie residue legate a eventi storici o familiari intensi.
  • Spirito: Termine generico per tutte le manifestazioni legate a un piano diverso dal nostro.
  • Spettro: Creature del piano astrale che assumono forme di energia trovata nell’ambiente.

Cosa dice la Bibbia

La Bibbia riconosce l’esistenza di esseri spirituali buoni e cattivi, ma nega che gli spiriti dei defunti possano rimanere sulla terra a perseguitare i viventi. Dopo la morte, l’anima affronta il giudizio e non rimane nel nostro mondo.

Conclusioni

Le testimonianze di infermieri e pazienti riguardo a presenze soprannaturali negli ospedali sono numerose e affascinanti. Che si tratti di energia residua, spiriti o semplici suggestioni, queste storie continuano a incuriosire e spaventare, ricordandoci che, talvolta, la realtà può sembrare più strana della finzione.

Se anche tu hai vissuto un’esperienza paranormale in un ospedale, condividila con noi scrivendo a redazione@assocarenews.it. Racconteremo la tua storia.

Seguici anche su:

  • Gruppo Telegram: Concorsi in Sanità – LINK
  • Gruppo Telegram: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Telegram: Infermieri – LINK
  • Gruppo Telegram: Operatori Socio Saniari (OSS) – LINK
  • Gruppo Facebook: Concorsi in Sanittà – LINK
  • Pagina Facebook: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Facebook: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Facebook: Operatori Socio Sanitari – LINK
  • Gruppo Telegram: ECM Sanità – LINK
  • Gruppo Facebook: ECM Sanità – LINK

Per contatti:

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *